/ Territorio

Territorio | 18 luglio 2020, 09:21

LA STORIA. Da Gemonio e Gallarate alla conquista della Russia

Il collettivo musicale Roguesalad, formato da Cristiano Messina, Luca Castelli e Giacomo Felletti si è aggiudicato un contest di un'azienda russa, vincendo degli strumenti musicali e sbaragliando band concorrenti provenienti da tutto il mondo.

LA STORIA. Da Gemonio e Gallarate alla conquista della Russia

Dalla provincia di Varese, da Gemonio e Gallarate per la precisione, alla conquista della Russia.

E' la storia del collettivo musicale Roguesalad composto da tre ragazzi svegli e appassionati di musica, Cristiano Messina, Luca Castelli e Giacomo Felletti, i quali si sono aggiudicati un contest promosso da un'azienda russa, la "Soma Labatory". 

«Produciamo colonne sonore per videogiochi - raccontano i musicisti varesotti - all'attivo abbiamo anche un ep di cinque pezzi e continuiamo a produrre contenuti per i social. Abbiamo partecipato a questo concorso di un'azienda russa che ha messo in palio prodotti per chi avesse realizzato i brani migliori utilizzando solo i sample da loro forniti».

I Roguesalad sono arrivati terzi su 665 partecipanti provenienti da tutto il mondo; il brano è stato mixato e masterizzato nello studio dove Cristiano Messina collabora a Induno Olona il “2play Studio”.

Come nasce il nome della band?

«Il nome Roguesalad deriva da un gioco di parole videoludico - spiegano i tre - all’inizio era Rogueleek “porri rivalsi”, poi è cambiato in Roguesalad perchè il calderone di cose che facciamo si è allargato e quindi si è pensato più ad un insalata di cose».

«Lavoriamo insieme da 3 anni - raccontano - porteremo un progetto live con spettacoli visivi annessi. Scoprire di essere tra i vincitori di un contest per il quale abbiamo lavorato duramente è stato meraviglioso, una sensazione che ripaga di tutta la fatica e le ore di duro lavoro. E' stata una competizione leale ed intensa che ci ha fatti sentire parte di una community composta da persone da ogni parte del mondo e tutte incredibilmente talentuose e creative. Un enorme grazie Soma Laboratory, grazie alla giuria ed agli utenti che abbiamo avuto la fortuna di conoscere, grazie a tutti coloro che ci hanno supportato con i like ed il loro entusiasmo. Ora non resta che aspettare i bellissimi strumenti che abbiamo vinto per creare nuova musica, nuovi video e contenuti ancora migliori». 

Matteo Fontana

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore