/ Politica

Politica | 15 luglio 2020, 11:57

Forza Italia guarda alle prossime elezioni provinciali di Varese: «Noi al centro dell'alleanza di centrodestra»

Le consultazioni di secondo livello per Villa Recalcati si terranno dopo le Comunali del prossimo autunno. Il vicecommissario provinciale Taldone: «Il centrodestra sarà premiato per capacità e serietà, il nostro partito solido riferimento per le forze moderate e civiche del territorio».

Forza Italia guarda alle prossime elezioni provinciali di Varese: «Noi al centro dell'alleanza di centrodestra»

Forza Italia guarda alle prossime elezioni provinciali di Varese che si terranno dopo le Comunali di autunno.  

«Manca poco al rinnovo del Consiglio provinciale varesino e, questo appuntamento, ci consente di fare il punto sull’attuale e, futura, situazione politica a Villa Recalcati - afferma in una nota Giuseppe Taldone, vicecommissario provinciale del partito di Berlusconi, nonché consigliere comunale di minoranza a Luino ed ex consigliere provinciale - Forza Italia, con i suoi due consiglieri Marco Riganti e Simone Longhini, ha sicuramente contribuito alla buona governabilità dell'ente, garantendo lealtà e sostegno al presidente Emanuele Antonelli ed a tutta l’attuale maggioranza in Consiglio Provinciale. Un grande risultato al netto delle evidenti difficoltà e criticità in cui la Provincia si trova come conseguenza, non dimentichiamolo, di una riforma, la Delrio, che l’ha relegata a ente di secondo livello facendole perdere competenze e risorse indispensabili ad una completa gestione del territorio.  L’attuale maggioranza ha dato prova di capacità e serietà, mantenendo in ordine i conti e, al contempo, garantendo al meglio i servizi verso i cittadini. Siamo convinti che l’attuale schema governativo di centrodestra sarà premiato tra non molto dai nostri amministratori-elettori. Riteniamo che Forza Italia, in considerazione della sua natura democratica, liberale e riformista, possa continuare ad essere un solido riferimento aggregativo per tutte le forze moderate e civiche presenti sul territorio interessate ad un concreto progetto di buona amministrazione. Crediamo fermamente nello schema provinciale così come si è presentato alle ultime elezioni e che ha ben operato e riteniamo che debba essere riproposto, essendo altamente rappresentativo delle tante voci e  sensibilità amministrative presenti nella nostra Provincia».

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore