/ Politica

Politica | 10 luglio 2020, 15:27

«Sull'ospedale di Luino occorre invertire la rotta»

Furio Artoni, candidato sindaco per la lista "Azione Civica" prende posizione sul futuro del nosocomio cittadino: «Prioritario il mantenimento dei servizi e degli attuali reparti di degenza, senza riduzione dei posti letto, nonché il potenziamento del pronto soccorso».

«Sull'ospedale di Luino occorre invertire la rotta»

Furio Artoni, candidato sindaco per la lista "Azione Civica per Luino a frazioni", prende posizione, in un comunicato stampa, sul futuro dell'ospedale cittadino.

Di seguito il testo integrale della nota:

Decenni or sono, mi occupai  personalmente per la difesa dell'Ospedale di Luino quando si incominciava a parlare dello smantellamento del reparto maternità, prevedendo che da quella scelta vi sarebbero state conseguenza disastrose per il nostro Ospedale. Vennero raccolte migliaia di firme. Nessuno fu ascoltato e la previsione divenne realtà. Allora vi era ancora la Giunta Formigoni in Regione e la politica era quella di concentrare gli ospedali in grandi poli. Dopo l'emergenza COVID, ci siamo accorti che quella fu una decisione scellerata. Ora L'ospedale di Luino è privo di strutture adeguate ad affrontare emergenze (tranne per la presenza di automedica) e sempre più ridotto ad un ruolo marginale che la politica nazionale e regionale vuole ulteriormente ridurre non tenendo in alcun conto la vastità del territorio luinese e le esigenze dei cittadini.

Ora la mia lista "Azione civica per Luino e frazioni", ha posto tra le priorità il recupero funzionale dell'Ospedale di Luino che possa garantire al massimo le emergenze con strutture adeguate e personale preparato per accedere ad una prestazione sanitaria, ma anche alla possibilità che la stessa sia qualificata e sicura. E' prioritario il mantenimento dei servizi e degli attuali reparti di degenza, senza riduzione dei posti letto, nonché il potenziamento di attività di primaria importanza come il Pronto Soccorso, l'attività ambulatoriale, il servizio di radiologia e di laboratorio con il suo punto prelievi.

Non ultimo la necessità di garantire un servizio pediatrico, senza essere costretti ad andare a Cittiglio o Varese, con tempi di percorrenza disagevoli. Sull'Ospedale di Luino è indispensabile invertire la rotta di una politica nazionale e Regionale che sino ad oggi ha trasformato la area del Luinese in un'area disagiata. La futura amministrazione deve prendere posizione decisa su questa tematica.

Furio Artoni

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore