/ Economia

Economia | 13 giugno 2024, 11:09

Emergenza Casa. La Uil Lombardia chiede le dimissioni dell'assessore regionale Franco: «La campagna elettorale è finita»

Il segretario generale Enrico Vizza ha scritto al presidente della Regione Fontana: «L’assessore Franco associa gli inquilini manifestanti a persone non rispettose della legge; non rappresenta la delega assegnata e le problematiche di molte famiglie»

Enrico Vizza

Enrico Vizza

Dopo il presidio unitario di CGIL, CISL e UIL e dei sindacati degli inquilini (Uniat, Sunia, Sicet, Associazione Inquilini) della Lombardia sotto palazzo della Regione a cui hanno partecipato centinaia di famiglie, «per rivendicare interventi sugli sfratti in esecuzione, sugli affitti che aumentano, sulle migliaia di di domande di assegnazione non evase e sui mancati interventi dei comuni per l’offerta di alloggi popolari», la UIL interviene a seguito delle dichiarazioni alla stampa dall’assessore di Regione Lombardia Paolo Franco, che ha definito i manifestanti a persone che «non rispettano la legalità».

A parlare, in una nota, è il numero uno della UIL Lombardia Enrico Vizza«Sono sconcertato dalle affermazioni dell’assessore, che associa chi ha manifestato ieri (anche rinunciando al proprio lavoro per affermare i propri diritti e chiedere interventi sull’edilizia popolare), alla stregua di cittadini che non rispettano la legalità e non versano il canone. Una grande caduta di stile per un rappresentante della Regione, forse perché l’assessore si sente ancora in campagna elettorale e non sa riconoscere che c’è un grave problema di edilizia popolare in Regione. Se è vero che investe tutte le risorse che dice prosegua con i tavoli e sia più chiaro nel farlo trasformando quello che dice in cantieri».

«Ci sono situazioni drammatiche di persone, che l’assessore forse non è in grado di comprendere, perché lui ha la certezza di uno stipendio e di un tetto - continua Vizza - ci sono persone che non riescono, pur lavorando, a far fronte al caro vita. La Uil continua a sostenere le persone in modo dignitoso nella legalità. Probabilmente l’incapacità di affrontare un’emergenza e di confrontarsi serenamente con il sindacato viene liquidata, frettolosamente, associando una protesta a chi non è regolare. In Lombardia serve un piano decennale con interventi di recupero, ristrutturazione, di messa in sicurezza e realizzazione di nuovi edifici di edilizia sociale pubblica. Ho scritto al Presidente Fontana e al presidente del Consiglio Regionale perché prendano provvedimenti. Ci aspettiamo una smentita da parte dell’assessore e un suo passo indietro perché riteniamo ci sia incompatibilità da parte di Paolo Franco nel rappresentare la Regione nel ruolo assegnato e sarebbe opportuno che lasciasse la delega».

C.S.


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore