Cronaca - 02 gennaio 2022, 11:42

La comunità di Morazzone sconvolta, Mazzuchelli: «Una tragedia, siamo allibiti»

L'uomo si era da poco trasferito in paese. Nella stessa corte un altro omicidio ai primi dell'800 e nell'87 la strage del Cusumano

La comunità di Morazzone sconvolta, Mazzuchelli: «Una tragedia, siamo allibiti»

«E' una tragedia che nessuno si aspettava. Siamo allibiti». Il sindaco di Morazzone, Maurizio Mazzucchelli, che poi è intervenuto ancora (leggi QUI) è stato il primo a sapere dell'omicidio del piccolo di sette anni, ucciso dal padre e nascosto in un armadio dell'appartamento di via Cuffia (leggi QUI e anche QUI le agghiaccianti fasi del delitto). «I Carabinieri mi hanno avvisato questa notte. Non conosco l'uomo perché si era da poco trasferito a Morazzone e nemmeno il bimbo e la madre, che risiedevano a Gazzada. Resta una vicenda incredibile che ha sconvolto la nostra comunità».

Quello di questa notte è il terzo evento omicidiario a Morazzone in epoca moderna: all’inizio dell’800 proprio in quel cortile, i processi dell’epoca riferiscono dei un “delitto della Cuffia”. E poi nel 1987 la strage del Cusumano, dove un'intera famiglia era stata sterminata con lo stesso movente di oggi: la fine di un matrimonio. 

Valentina Fumagalli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU