Busto Arsizio - 18 ottobre 2022, 12:33

Delegazione polacca in visita a Busto per studiare il sistema di raccolta differenziata della città

Otto rappresentanti di un’azienda che dovrà realizzare un impianto di trattamento e smaltimento dell’umido e di un consorzio di comuni. Rientra nelle attività correlate al Progetto europeo “FRONTrunnerTransizione” verso un futuro circolare e resiliente

Delegazione polacca in visita a Busto per studiare il sistema di raccolta differenziata della città

È stata accolta questa mattina - 18 ottobre - dal Sindaco Antonelli e dai vertici di AGESP S.p.A. - Francesco Iadonisi, Amministratore Unico e Gianfranco Carraro, Direttore Generale – la delegazione di alcuni rappresentanti di aziende polacche del settore interessati a visionare ed esaminare il sistema di raccolta differenziata dei rifiuti attuato dalla città.

La visita della delegazione polacca, composta da 8 rappresentanti di un’azienda che dovrà realizzare un impianto di trattamento e smaltimento dell’umido e di un consorzio di comuni, rientra nelle attività correlate al Progetto europeo “FRONTrunnerTransizione” verso un futuro circolare e resiliente, che promuove la diffusione di soluzioni sistemiche con il supporto di cluster locali e lo sviluppo di schemi di innovazione regionali basati sulle comunità.

Nell’ambito di questo progetto promosso da Novamont S.p.A., azienda leader a livello internazionale nel settore delle bioplastiche e dei biochemicals e produttrice dei sacchetti in Mater-bi biodegradabili utilizzati per la raccolta delle frazione organica dei rifiuti, la stessa ne sta coordinando la fase denominata FRONTSH1P, con la finalità di implementare e migliorare la raccolta differenziata della frazione organica nella Regione polacca di Łódz anche attraverso l’uso di sacchi compostabili, sostenere la creazione di un impianto di digestione aerobica/anaerobica per avviare la raccolta e la valorizzazione dei rifiuti solidi urbani in compost di alta qualità.

Obiettivo di FRONTSH1P è, dunque, quello di condurre ad una transizione verde della Regione di Łódz verso la decarbonizzazione e la rigenerazione territoriale, garantendone un effetto duraturo attraverso la creazione di un cluster regionale circolare permanente che applichi il Modello di Governance Circolare, coinvolgendo le autorità pubbliche regionali, locali e nazionali per assicurare la pianificazione e l'implementazione a lungo termine.

La città di Busto Arsizio è stata selezionata quale modello da replicare, infatti, in quanto realtà di 80.000 abitanti che ha sviluppato da oltre 20 anni un sistema di raccolta e smaltimento della frazione organica in un territorio con caratteristiche urbanistiche e morfologiche simili a quelle del territorio polacco in questione e che costituisce una delle prime città italiane che ha investito sul sistema di raccolta differenziata dei rifiuti.

Sistema che oggi, dopo oltre un ventennio, continua ad essere utilizzato con successo e costantemente implementato e perfezionato.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU