Lettere - 17 giugno 2022, 09:03

Un lettore ci scrive: «Io vittima di un disservizio dico: Trenord, investi sul capitale umano»

Il racconto di un «viaggio travagliato» sul convoglio partito da Cadorna e diretto a Laveno, soppresso a Saronno. Con un appello all'azienda: «Serve investire sui treni, ma anche sul personale»

(foto d'archivio)

(foto d'archivio)

Riceviamo e pubblichiamo il resoconto di un disservizio subito da un cittadino sul treno in partenza da Cadorna e diretto a Laveno Mombello, rimasto fermo a Saronno. La sua testimonianza si conclude con un appello alla azienda.

Spett.le Redazione, ecco il mio racconto di un viaggio travagliato.

Il treno delle 18.22 in partenza da Cadorna per Laveno Mombello parte senza nessuna informazione ai viaggiatori alle 18.32, aprendo le porte ai passeggerei alle 18.26.
Il dubbio che ci fosse qualche malfunzionamento viene confermato dal fatto che il treno giunge a Saronno e lì si ferma.  

Il capotreno con grande incompetenza non si è neppure degnato di informare i viaggiatori. Intanto sul binario attiguo arriva a Saronno il treno per a Varese. Dubbio del pendolare: parte il Laveno o il Varese?

Alle 19.10 circa svelato il mistero: treno delle 18.22 soppresso, parte prima il treno per Varese, il treno sul binario attiguo, mentre i viaggiatori per Laveno attenderanno il treno successivo.

Davvero complimenti al responsabile del movimento in turno, emblema di incompetenza (ha lasciato partire da Cadorna un treno con problemi tecnici salvo impiegare mezz’ora poi per sopprimerlo a Saronno) e complimenti al capotreno che non si è minimamente sforzato di ovviare all’incapacità degli altri due almeno degnandosi di dare informazioni.

Cara Trenord, investi nei treni ma anche nel capitale umano.


Luca Mattiazzo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU