Hockey - 26 febbraio 2022, 21:01

GARA-1 QUARTI. Mastini superbi ma battuti 4-3 dall'Unterland (e non solo...). Penalità partita fantasma a Schina

Un grande Varese fa tremare in Alto Adige l'Unterland dominatore della stagione regolare: oltre una cinquantina di tifosi varesini e la squadra protestano per una decisione arbitrale - non la sola - che "macchia" un bellissimo match. Martedì sera all'Agorà bolgia giallonera per impattare la serie

Nella foto di Oana Maria Constandis il gruppo giallonero sostenuto da un grande pubblico giunto da Varese a Egna. Sotto nella gallery le immagini ufficiali dei Mastini

Nella foto di Oana Maria Constandis il gruppo giallonero sostenuto da un grande pubblico giunto da Varese a Egna. Sotto nella gallery le immagini ufficiali dei Mastini

Un grande Varese sfiora il 4-4 all'ultimo secondo e un'impresa meritatissima sul ghiaccio dell'Unterland dominatore della stagione all'esordio nei playoff "macchiato" da una penalità partita affibbiata ad Andrea Schina, cha ha fatto discutere e farà discutere almeno fino a gara-2 di martedì all'Agorà (prima vengono dati 2', poi tramutati misteriosamente in un 5'+20'), visto che in tanti non hanno assolutamente capito di quale colpa si sia reso colpevole il difensore giallonero al 30'19" per meritarsi di essere cacciato dal ghiaccio. Anche due interventi su Capannelli e McGrath nel terzo periodo sul 4-3 altoatesino, ovviamente non sanzionati, hanno lasciato l'amaro in bocca, facendo arrabbiare i cuori gialloneri.

Non è stato un mistero, invece, lo straordinario tifo del popolo giallonero giunto in Alto Adige (erano almeno una cinquantina i varesini presenti), così come la prova superba dei Mastini, capaci di rimontare dallo 0-2 sul gobbone già dopo 4'41" grazie a Marcello Borghi e a Capannelli (in inferiorità) nel primo periodo, e poi di riavvicinarsi ancora sul 4-3 grazie allo scatenato Marcello Borghi (in doppia inferiorità!) dopo essere andati sotto nuovamente di due reti.

Nel terzo periodo tutti avevano già gridato al gol del pareggio almeno due volte, negato in entrambe le occasioni dal goalie Giovanelli (altrettanto monumentale, però, anche Muraro). Resta negli occhi di chi c'era e nelle orecchie di chi ha seguito il match alla radio grazie a Max Airoldi un Varese che ha dato tutto ciò che aveva, segnando 2 dei 3 gol in inferiorità e dimostrando uno spirito da playoff davvero invidiabile, anche senza Schina, e quindi giocando con soli 4 difensori contro il roster "maxi" dei vincitori della Coppa Italia.

Peccato per quella "macchia" (anche se un po' ci siamo abituati...): nemmeno l'Unterland l'avrebbe meritata. Martedì questi Mastini, che hanno dimostrato a se stessi e a tutti di potercela fare, meritano un'Agorà bollente, e lo avranno.

Unterland Cavaliers-Mastini Varese    4-3 (3-2, 1-1, 0-0)
Reti: 3’09” (UC) Kokoska (Sullmann), 4’41” (UC) Kaufmann (Steiner, Obexer), 8’51” (MV) M. Borghi (Piroso), 14’17” (MV) Capannelli (Piroso) SH1, 15’32” (UC) G. Zerbetto (Pisetta Brighenti), 35’17” (UC) Brighenti (Kokoska, Egger) PP1, 39’33” )MV) M. Borghi (Caletti, De Biasio) SH1
UNTERLAND CAVALIERS: 29 Giovanelli (25 M. Steiner), 5 Dobias, 14 Goldner, 15 Cont, 19 Santer, 21 T. Steiner, 26 Brighenti, 96 Sullmann, 66 Obexer, 4 Kaufmann, 7 Egger, 11 R. Zerbetto, 13 Girardi, 16 Galassiti, 17 G. Zerbetto, 18 Graf, 27 Selva, 46 Kokoska, 54 Pallabazzer, 55 Wieser, 95 Pisetta. Coach: Hallfors Olli eerikki
MASTINI VARESE: 30 Muraro (90 Mordenti), 3 Schina, 11 Papalillo, 22 E. Mazzacane, 4 McGrath, 37 Belloni, 44 De Biasio, 15 Caletti, 16 Vanetti, 17 Capannelli, 23 M. Borghi, 27 M. Mazzacane, 29 Cordin, 32 P. Borghi, 55 Piroso, 74 Tilaro. Coach: Matteo Malfatti
Arbitri: Andrea Moschen, Stefano Ricco (Gianluca Abram, Federico Fecchio)
Note - Penalità Un 19', Va 62'. Tiri Un 44, Va 28. Spettatori 300, una cinquantina provenienti da Varese.

GARA 1 QUARTI (best of seven)

Unterland-Varese 4-3, Alleghe-Pergine 1-5 (500 spettatori), Valdifiemme-Como 4-0 (370 spettatori), Caldaro-Dobbiaco 4-2

Gara-2, martedì 1° marzo, 20.30 (Agorà): Varese-Unterland. Le altre gare: Pergine-Alleghe, Como-Valdifiemme, Dobbiaco-Caldaro, Pergine-Alleghe.
Gara-3, giovedì 3 marzo, 20.30: Unterland-Varese
Gara-4, sabato 5, 20.30 (Agorà): Varese-Unterland 
Eventuale gara-5, martedì 8, 20.30: Unterland-Varese
Eventuale gara-6, giovedì 10, 20.30 (Agorà): Varese-Unterland
Eventuale gara-7, sabato 12, 18.30: Unterland-Varese

La cronaca nel comunicato dei Mastini

Il 4 a 3 finale per i Cavaliers non spiega bene l’andamento del match, ma rende comunque grande onore ai varesini. Non basta ai gialloneri la miglior partita dell’anno e anche quando le montagne sembravano crollare, i gialloneri hanno rialzato la testa, rimontato due reti di svantaggio, trovato la forza di reagire e mettere alle corde gli avversari. Alcune decisioni arbitrali hanno condizionato incontro e atteggiamento dei giocatori in campo, che comunque hanno dato vita ad una partita di rara intensità, merito di entrambe le formazioni che hanno dato tutto quanto avevano sul ghiaccio.

Partenza a razzo dei Mastini che colgono un palo clamoroso con Michael Mazzacane: il puck poi sfila alle spalle di Giovanelli ed esce dalla parte opposta. Preme ancora il Varese e la conclusione di Borghi è respinta col gambale dal portiere. Alla prima vera occasione per l’Unterland, i Cavaliers passano con una bella combinazione Sullmann – Kokoska che libera quest’ultimo al tiro ravvicinato.

Dopo 90” arriva il raddoppio della formazione di casa con Kaufman, dopo che i Mastini avevano provato la conclusione del pareggio che però è terminata larga di pochissimo.

I ragazzi di Malfatti hanno il merito di restare in partita e intorno al minuto 9 è Marcello Borghi che indovina la traiettoria vincente da posizione defilata, ben servito da Piroso. Il pari non arriva per un nulla e l’inerzia della partita pare andare ancora in direzione altoatesina, quando i gialloneri devono difendere in 3 contro 5. L’azione della retroguardia è eccellente e non appena l’inferiorità numerica si riduce arriva la magia di Capannelli. Il ragazzo vola verso la gabbia avversaria pattinando per una trentina di metri, doppia giravolta e Giovanelli deve solo raccogliere il disco dal sacco. 

Dopo qualche istante è ancora il canadese varesino che prova la conclusione, ma è l’Unterland che passa in vantaggio con Zerbetto, abile a chiudere di prima intenzione una iniziativa di Pisetta.

Prima della sirena una botta di Capannelli viene parata miracolosamente dal goalie avversario.

L’inizio ripresa vede Giovanelli togliere dalla rete il pareggio giallonero parando col tacco un tocco di Caletti. La partita si innervosisce a causa di alcune decisioni arbitrali molto discutibili che costringono i gialloneri con l’uomo in meno in diverse situazioni. Muraro è eccellente in almeno 4-5 occasioni, come pure Giovanelli dalla parte opposta della pista. La direzione di gara appare ai varesini abbastanza impari e ne fa le spese Schina, prima mandato in panca puniti per 2 minuti, poi tramutati in 5+20 e penalità partita. 

Dopo una penalità molto dubbia affibbiata a McGrath i padroni di casa si ritrovano con l’uomo in più e una deviazione sottomisura inganna l’incolpevole Muraro.

Prima della seconda sirena è M. Borghi a bucare il portiere avversario con un siluro angolato che permette ai Mastini di rimanere in partita.

Il terzo tempo è tranquillo a livello disciplinare, sebbene vi siano state almeno un paio di infrazioni non sanzionate che avrebbero potuto dare la superiorità numerica ai Mastini, i quali hanno comunque lottato fino in fondo giocando un bellissimo hockey e impensierendo più volte Giovanelli.

Superlativo il portiere su due conclusioni di Tilaro e di Michael Mazzacane mentre all’ultimo secondo utile chiude sul tocco ravvicinato di Capannelli.

Alla fine i ragazzi di Malfatti sono usciti tra gli applausi di un pubblico varesino fantastico e accorso in massa in terra altoatesina per sostenere la squadra.

Martedì sera Gara 2 a Milano. Tifosi gialloneri vi aspettiamo numerosi per sostenere i nostri Mastini!

A.C.


Vuoi rimanere informato sui Mastini Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo MASTINI VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP MASTINI VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU