Territorio - 29 luglio 2021, 09:07

Malnate, resta chiusa la statale Briantea: «Danno più grave del previsto»

Proseguono con difficoltà i lavori di messa in sicurezza del muro della corte privata di via Varese che ha ceduto domenica. «Abbiamo chiesto al Prefetto di individuare strade alternative dove deviare il traffico» afferma la sindaca Bellifemine. Da oggi riapre con doppio senso di marcia via Ravina.

Malnate, resta chiusa la statale Briantea: «Danno più grave del previsto»

Resta chiuso a Malnate il tratto di statale Briantea all'altezza di via Varese, una delle arterie più trafficate della provincia di Varese; più grave del previsto il danno al muro di contenimento della corte privata che si affaccia sulla strada.

Un grosso problema sia per le migliaia di automobilisti che ogni giorno transitano sulla Briantea, sia per coloro che abitano sulle strade dov'è stata deviato il traffico a causa dell'interruzione della statale. 

«Durante i lavori di messa in sicurezza e di riparazione del muro a carico dei privati - spiega la sindaca Irene Bellifemine - è stato evidenziato un maggior danno rispetto a quello che era stato riscontrato durante l’intervento dei vigili del fuoco di domenica, reso complicato dalle avverse condizioni meteorologiche. Tale danno non consente ad oggi l’espressione di un parere tecnico favorevole sulla tenuta del muro e delle strutture edilizie a loro volta possibilmente coinvolte».

Dal pomeriggio di mercoledì 28 luglio i proprietari dell'area stanno provvedendo alla rimozione dei materiali accumulati o staccati dal muro e alla pulizia della corte da tutti gli elementi che impediscono l’attuazione delle indagini conoscitive della rete di raccolta delle acque meteoriche. Nella mattinata di oggi, 29 luglio, l’impresa incaricata dai privati, eseguirà un sondaggio mirato al rilievo della rete di smaltimento delle acque della corte al fine di stabilire se in tali condotte si sia verificato una rottura o un intasamento tale da favorire l’incontrollato deflusso delle acque nel sottosuolo a contatto con la muratura in oggetto.

«A seguito di tale accertamento si potrà in caso di favorevole riscontro procedere con la sistemazione e adeguamento della rete di smaltimento - spiega la prima cittadina - cosa diversa è invece l’intervento sul muro che potrà compiutamente concretizzarsi a seguito dell’esecuzione di apposite indagini geologiche che devono necessariamente interessare tutto il versante, compreso quello di competenza comunale».

«La natura dei manufatti e l’incertezza della composizione del crinale non permettono allo stato attuale di poter riaprire il percorso viario in sicurezza e risulta altresì complesso impostare un qualsiasi intervento di tirantaggio e messa in sicurezza anche provvisoria di tale versante - aggiunge la sindaca - la speranza è quella di poter concludere tutti gli adempimenti nel minor tempo possibile, e consentire quindi la riapertura del tratto viario interessato dalla chiusura nel minor tempo possibile».

La sindaca invoca l'aiuto del Prefetto di Varese, vista la portata del problema che va ben oltre i confini del Comune di Malnate.

«Consci che la sicurezza per gli automobilisti degli oltre 30.000 veicoli che quotidianamente utilizzano tale strada e per i residenti delle abitazioni interessate, deve essere la priorità assoluta alla base di ogni decisione e in relazione al ruolo strategico che la strada Briantea riveste, è stata richiesta la convocazione di una conferenza di servizi con il Prefetto al fine di individuare strade alternative per il deflusso del traffico durante il periodo emergenziale - conclude Bellifemine -  oggi la viabilità in via Ravina verrà ripristinata in modo da consentire la circolazione in ambo i sensi di marcia».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU