La Famiglia Bosina racconta - 16 maggio 2021, 07:26

VIDEO. Quei soeugn mia sougnaa e le carezz delicaa nella poesia di Tino Rossi piena di malinconia e speranza

Questa settimana la Famiglia Bosina recita per voi in questo video la magnifica poesia dialettale "Rifless in ciar e scur" con cui Costantino Rossi fu poeta bosino dell'anno nel 1979

Lidia Munaretti recita "Rifless in ciar e scur" di Tino Rossi che per tre volte ha ricevuto il premio di poeta bosino

Lidia Munaretti recita "Rifless in ciar e scur" di Tino Rossi che per tre volte ha ricevuto il premio di poeta bosino

"...desideri sentii, soeugn mia sougnaa, carezz delicaa ch'a m'hann 'pena sfioraa insema a delousion patii, a imagin perdu o scoulourii...": questa settimana la Famiglia Bosina ci propone una delle tre poesie con cui Costantino Rossi, nato a Bisuschio nel 1922 e scomparso a Varese un anno fa, vinse il titolo di poeta bosino per tre volte, in questo caso nel 1979. 

Socio fondatore del cenacolo dei poeti dialettali della Famiglia Bosina, nei suoi "Rifless in ciar e scur"  ci sono malinconia e speranza mischiate ed esaltate nella recitazione di Lidia Munaretti.

Il video con cui Antonio Borgato e Lidia Munaretti presentano e recitano "Rifless in ciar e scur" di Tino Rossi.


Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU