Varese - 05 novembre 2020, 20:20

Palestre-Regione, contatto: dal buono welness detraibile al protocollo da rispettare, ecco le proposte per ripartire

Videoconferenza promossa da Aime e Gabriele Ciavarrella tra i rappresentanti di centinaia di centri fitness e l'assessore regionale allo sport Martina Cambiaghi. Fabio Sozzani: «C'è l'idea di poter detrarre parte dell'abbonamento dalla dichiarazione dei redditi. Pronti a seguire protocolli e a essere controllati per ricevere l'etichetta di qualità, non siamo solo sport ma anche salute»

Palestre-Regione, contatto: dal buono welness detraibile al protocollo da rispettare, ecco le proposte per ripartire

La palestre hanno imparato a unirsi e combattere visto che sono state le prime a essere chiuse, ben prima del lockdown di primavera, e la stessa sorte è toccata stavolta, quando l'istituzione della zona rossa non era nemmeno stata ipotizzata. 

Ieri, coalizzato grazie ad Aime e al presidente del settore fitness e benessere dell'associazione, Gabriele Ciavarrella, un imponente gruppo di imprenditori del fitness, in rappresentanza di centinaia di palestre, ha incontrato in videoconferenza l'assessore allo sport e giovani regionale, Martina Cambiaghi

«Abbiamo espresso con civiltà e determinazione le nostre proposte, guardando alla ripartenza» ci racconta Fabio Sozzani dello Sporting di Varese, presente all'incontro insieme ad altri proprietari varesini e di tutta la Lombardia.

Tra le idee emerse e le proposte fatte c'è quella del buono welness. Se per un finanziamento fisso tout court a ogni cittadino per poter frequentare le palestre stile biciclette e monopattini non ci sono le risorse, diverso è il discorso sulla possibilità di usufruire di questa "tessera welness", sul modello di quella sanitaria, per iscriversi in palestra e poi scaricare la spesa dell'abbonamento, fino a un certa cifra, nella dichiarazione dei redditi. In questo modo lo Stato avrebbe un costo futuro, e non immediato, ma sosterrebbe concretamente la ripresa del settore più colpito e cha ha subito mesi di stop. 

«Se la Regione sostenesse la proposta nella trattativa con lo Stato - prosegue Sozzani - sarebbe un bel modo di darci una mano. Ma non si è parlato solo di questo: abbiamo puntato su un fatto secondo noi molto importante e cioè il riconoscimento del ruolo delle palestre non solo legato allo sport ma alla salute dei cittadini».

Riconoscete la realtà, e cioè che nei centri fitness si svolgono attività fondamentali per la ripresa psicofisica delle persone, soprattutto anziane, dopo operazioni e riabilitazioni, è fondamentale anche per riqualificare le figure professionali degli istruttori e per dare un marchio di qualità ai centri fitness. Le palestre non sarebbero più solo "palestre", etichettate esclusivamente per l'attività fisica in sala pesi o corsi, ma centri per la tutela della salute delle persone.  

«Per avere questa etichetta di qualità siamo disposti a essere sempre sottoposti a controlli per verificare l'applicazione di un protocollo, già nero su bianco. Da qui non si scappa - chiude Sozzani - le palestre e i centri fitness di qualità dovrebbero dimostrare continuativamente di rispettare regole e misure precise».

Infine, Regione Lombardia - recentemente premiata per la sua attività nel campo della comunicazione - potrebbe sostenere le palestre dal punto di vista pubblicitario nel momento della riapertura. L'attività fisica, in fondo, è un farmaco della salute: va solo somministrato.

A.C.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU