/ Territorio

Territorio | 15 giugno 2024, 20:31

Fagnano, folla ed emozione per don Federico Papini

Alla messa in Santa Maria Assunta moltissimi fedeli. Il messaggio del sindaco Baroffio: «Hai superato tante sfide che ti si sono poste avanti. Ti saluto più da vecchio ragazzo di oratorio, sarai un gran prevosto». La poesia di Pinuccia Bossi

Fagnano, folla ed emozione per don Federico Papini

Una folla carica di affetto e gratitudine per la messa che segna il saluto di don Federico Papini a Fagnano Olona. 

Il parroco dal prossimo settembre andrà a Magenta e al suo posto arriverà don Simone Chiarion (LEGGI QUI). Questa sera gremitissima la messa in Santa Maria Assunta ed è stato anche il momento per l'omaggio da parte delle autorità civiche. Ecco il messaggio del sindaco Marco Baroffio.


Nell’immaginario collettivo, specialmente quello degli italiani, quando si pensa al parroco e al sindaco, il primo pensiero che viene in mente sono Don Camillo e Peppone, i due personaggi nati dalla penna di Giovanni Guareschi, si combattevano per le loro idee politiche ma allo stesso tempo erano uniti per il bene della comunità tutta.

Ora, sarebbe ingiusto e pretestuoso che io e don Federico ci paragonassimo a questi personaggi, non siamo mai stati in lotta, ne abbiamo mai avuto divergenze che ci hanno allontanati dal non creare quella comunione di intenti, che porta le nostre istituzioni, la chiesa e il comune a collaborare e a lavorare per il bene della nostra comunità. 

In questi anni di presenza a Fagnano, hai superato tante sfide che ti si sono poste avanti, la più grande, il periodo della pandemia, che non ha mai fatto mancare la tua voce e la tua preghiera, che sono giunte nelle nostre case, aiutate dalle nuove tecnologie. E poi, quante prediche, quante messe e quante parole delicate hanno accompagnato i numerosi funerali da te celebrati, ecco caro Don, per ognuno di essi, anche quelli più complicati, hai avuto parole davvero speciali, che hanno aiutato ad accompagnare il difficile momento dell’addio ai tanti fedeli addolorati! 

Caro Don Federico, la tua comunità, ti ricorderà anche per le tante opere di recupero e di mantenimento del patrimonio storico culturale della parrocchia, per citarne uno, il recupero della statua del nostro santo Patrono, Gaudenzio. 

Ecco, ora è giunto il momento del commiato, e i nostri cuori, i nostri caratteri, seppur difficili a volte, lo ammettiamo, ti salutano e ti ricorderanno sempre, sappiamo di aver conquistato una parte speciale nel tuo cuore, sappiamo che non ci dimenticherai e desideriamo che tu sappia, che quando vorrai tornare sulla riva destra dell’olona, troverai non solo le porte aperte ma anche i cuori spalancati.

Ora un protocollo, imporrebbe al sindaco di salutare il parroco del paese con queste Parole:

“Reverendo signor Parroco, l’amministrazione comunale e la cittadinanza di Fagnano Olona, la saluta e le augura un buon proseguimento nella sua missione pastorale”

Ma il sindaco di Fagnano Olona Marco Baroffio, ti saluta più da vecchio ragazzo di oratorio, arrivederci Don Federico, ricordati sempre di noi nelle tue preghiere.

Ciao Don, sarai sicuramente un gran Prevosto!

Non è mancata una poesia in dialetto, a firma di Pinuccia Bossi.

Daghi, daghi semm rivá.

In veritá Don FEDERICU

l'éa un pû cal pensean e consigliean

  •   cal sa faga vidé pôcu in Curia,
  •   cal sa faga pôcu dugiá,
  •   quan la ciaman cal sa trá màa,
  •   telefun e celular cal tegna sempar sará.

Infati, rispundendu a ciamada l'è rivá!

E alúa mô?

Prima roba l'henn da ringrazia par ul sistema che chi l'ha adutá in nôo ann che in FAGNAN l'é restá.

Sempar guardá giô, sü, guardá da sbièss e tüscôss usarvá

  •   Giò: ul pavimentu daa gesa San GAVIDENZI rifàa e sôtu ul riscaldamentu incurpurá.
  •   Sü: ul sô campanen fá lavá 
  • e faciada ripituá.

Da sbièss: a MADONA daa SELVA a Milan mandá e püssé bela e giúina purtala cà.

  •   Dul PALAFRASSATI ai Furnas ul télon rifá
  •   In SANTA MARIA ASSUNTA, par videghi püssé bèn e risparmia, a luminazion da pôcu cambia,
  •   Da vultam a statua da S. GAVIDENZI
  • du estetista l'ha pena ritiá.

Ul béll l'é che tütu questu l'ha fá senza tantu dané cercá.

...Ga racumanda, al Don Simon che prestu l'ha da rivá cal ga insegna súbitu ma l'ha da fá a cupia!

Da sicur bôn l'é stá da fami bén pregá,

abundanza anca famm cantá.

Bél l'é ricurdá a so mudernitá


in mezzu ai fioeu cun chitarra in mân a suná 

Mai pudaén dimenticá

ul surisu in dul parlá  e celebá 

segn da vocazion forti, fedi da fá circulá.

- A menu che lé stai bôn da scondi nón da difetti dumá un quei vön piscinén henn truá,

donca semm propri stá furtuná!

Mô túta 'sta beltá a MAGENTA al vá a purtá

senza peró nisson da FAGNAN vivi e morti mai dimenticá e, ... datu che ul Signur i sô disegn al gh'ha che staolta in no spagascia

parché l'ha cumincia subitu prima dul nom PREVOSTO ubligá a segná e in citá andá a stà,

po' vess custrettu anca a fá cariera e: i isvacy mantèlina, capél a quatar cantón o guzu purtá,

po capitá che ul sù forti tuscoss bianco al fá davantá;

saemm inscí ubligá "SUA SANTITÀ" ciamá.

Al staga sicur che quel di lá tüta Fagnan in Piazza a ROMA rivaa e "VIVA IL PAPA" forti forti a vusá.

Peró mô l'ha da accetá e via purtá a benedizión che da chi tüti ga voeuran dá.

- Cal vaga ad ará, sumaná, ragulzá e i fasin ligá in MAGENTA dué LU l'ha ciamá.

A nön ma resta dumá

da coeur, veramenti da coeur insema al Signur ringrazia e cun na forti picada da mân su a stràa noeua a MAGENTA lassal andá.

Auguri - Auguroni!!!

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore