/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 15 giugno 2024, 13:29

Funzioni sanitarie: mozione per mantenerle nelle aree ospedaliere di Busto e Gallarate

La richiesta, che approderà in Consiglio Regionale, porta le firme dei consiglieri Luca Ferrazzi, Samuele Astuti e Giuseppe Licata. Il primo: «Al di là di alcune dichiarazioni, non è scritto da nessuna parte che le funzioni saranno sostanziali. Poniamo la questione in vista degli Accordi di programma specifici, riguardanti i due sedimi». Sottolineatura sulla "petizione delle 13mila firme"

I consiglieri regionali Astuti, Ferrazzi e Licata chiedono di mettere nero su bianco il mantenimento di significative funzioni sanitarie nelle aree ospedaliere di Busto e Gallarate

I consiglieri regionali Astuti, Ferrazzi e Licata chiedono di mettere nero su bianco il mantenimento di significative funzioni sanitarie nelle aree ospedaliere di Busto e Gallarate

Indicare in modo chiaro, nei due Accordi di programma dedicati, che le aree in cui sorgono gli attuali ospedali di Busto e Gallarate mantengano significative funzioni sanitarie anche dopo la realizzazione della nuova struttura a Beata Giuliana: è il primo impegno contenuto in una mozione che sarà trattata in Consiglio regionale. La presentano Luca Ferrazzi (Lombardia Migliore), Samuele Astuti (Partito Democratico) e Giuseppe Licata (Azione Italia Viva RE). Il testo è stato sottoscritto anche da Nicolas Gallizzi (Noi moderati), Paola Pizzighini (M5S), Manfredi Palmeri (LM), Martina Sassoli (LM).

«A parole – spiega Luca Ferrazzi – è emersa a più riprese, in diversi dibattiti, la volontà di mantenere funzioni sanitarie là dove oggi sorgono i due ospedali, in strutture che diventerebbero complementari a quella nuova. Ma di scritto, per ora, non c’è nulla. Ecco, con Astuti, Licata e gli altri firmatari della mozione condivido l’obiettivo di fare chiarezza su questo punto. Pensando, ovviamente, agli Accordi di programma che, dopo quello relativo al nuovo ospedale, devono essere elaborati per le aree di Busto e Gallarate».

La mozione elenca snodi significativi nel percorso di avvicinamento all’ospedale unico, dal 2016 al passato recente. Con un riflettore puntato su dichiarazioni del direttore generale Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Pavesi, nella Commissione Sanità a novembre 2023: «L’Accordo di programma (sull’ospedale unico, Ndr) non disciplina e non prevede la destinazione di utilizzo dei plessi che verranno a liberarsi […] Questo dell’utilizzo delle aree, delle strutture dei vecchi ospedali sarà oggetto di singoli accordi di programma promossi, lo abbiamo detto esplicitamente, dalle singole Amministrazioni comunali… vede in questi ospedali un possibile rafforzamento dei presidi territoriali, sia case di comunità che ospedali di comunità, che però per dovere di cronaca noi abbiamo già ipotizzato e collocato sul territorio. Quello che succederà negli ex ospedali deve essere oggetto di valutazione».

Ancora, nell’Accordo di programma sull’ospedale unico si legge che, nelle aree di quelli esistenti, si possa procedere alla rigenerazione «…anche mantenendo funzioni sanitarie…». «Si dice “anche” – ragiona Ferrazzi – ce n’è abbastanza per pensare che le funzioni sanitarie da mantenere nelle aree di Busto e Gallarate potrebbero non essere necessariamente significative e risultare, invece, residuali. La mozione esprime la volontà opposta».

Il testo contiene altri due punti: la garanzia che le strutture esistenti continuino a dare adeguate risposte ai bisogni della popolazione fino all’entrata in funzione dell’ospedale a Beata Giuliana («La situazione ci preoccupa – afferma Ferrazzi - per la sofferenza degli ospedali e per i tempi necessari alla partenza del nuovo nosocomio») e la stipula di convenzioni Asst/università, così da potenziare gli organici con l’ingresso di medici specializzandi.

«La mozione – conclude Ferrazzi – non può certo essere tacciata di essere strumentale. Credo, fra l’altro, vada in una direzione che possa essere apprezzata dalle Amministrazioni comunali interessate». Considerazioni alle quali il consigliere ne aggiunge un’altra sulla nota “petizione delle 13mila firme” (vedi qui). Presentata in Commissione Sanità (e citata nella mozione sottoscritta con Astuti e Licata) sembra finita in un limbo: «Che si fa, la archiviamo? Andrebbe discussa, non farlo sarebbe come minimo irrispettoso».

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore