/ Lombardia

Lombardia | 06 giugno 2024, 21:47

Hacker ancora in azione contro la sanità

Asst Rhodense: «Cyberattacco importante, tempi ripristino non stimabili»

Foto dalla pagina Facebook dell'Asst

Foto dalla pagina Facebook dell'Asst

Nuovo attacco hacker contro una struttura sanitaria italiana. Succede in Lombardia, dove l'Asst Rhodense è alle prese in queste ore con i sistemi informatici in tilt (era successo ad esempio a Synlab, LEGGI QUI, o l'anno scorso a Multimedica, LEGGI QUI)

"Sospese alcune attività come esami e imaging programmati mentre pronto soccorso sono attivi ma si consiglia di rivolgersi ad altre strutture".

"Durante la notte la rete informatica dell'Asst Rhodense ha subito un importante attacco informatico". "Attualmente non è possibile stimare i tempi di ripristino della rete aziendale e si chiede la collaborazione di tutti, soprattutto in questi primi momenti di riorganizzazione delle attività". E' quanto dichiara l'Asst in una nota, facendo il punto della situazione dopo l'attacco hacker sferrato ai sistemi informatici aziendali. 

Alcune attività sono state sospese, mentre altre si stanno garantendo. Per esempio, "i pronto soccorso di Garbagnate e Rho rimangono attivi (è stato sospeso solo l'invio di ambulanze), ma in caso di urgenza si consiglia ai cittadini di rivolgersi ad altre strutture", informa l'Asst. "La direzione, di concerto con i tecnici, sta lavorando per verificare la situazione, garantendo nel contempo i servizi essenziali", si legge ancora nella nota. In ogni presidio della rete dell'Asst è stato organizzato "un servizio di accoglienza degli utenti, in modo da informarli e prendere in carico ogni richiesta. E' garantita l'erogazione delle prestazioni ambulatoriali già programmate, tranne quelle di medicina nucleare (ad esempio Moc), di radiologia (Tac, risonanze, radiografie e mammografie) e di laboratorio analisi (compresi esami ematici)". 

Sono sospese invece "le attività relative a interventi chirurgici non urgenti e quelle di prenotazione presso i Cup, di ricovero programmato e dei punti prelievo. I pazienti Tao", cioè in terapia anticoagulante orale, suggerisce l'azienda, "possono rivolgersi all'accoglienza dei presidi ospedalieri di Bollate, Garbagnate e Rho per avere informazioni sulle modalità di esecuzione degli esami necessari per la gestione della terapia".

(Lus/Adnkronos Salute)

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore