/ Territorio

Territorio | 05 giugno 2024, 07:08

Il sogno di Paola Costantini cantante, musicista e compositrice di Leggiuno: «Portare una mia canzone al Festival di Sanremo»

Una passione quella per la musica leggera che nasce da piccola, gli studi, gli spettacoli, le esibizioni e anche la tv: «Mi piace comporre canzoni per altri, sto lavorando ad un nuovo pezzo. Un mio brano è stato proposto a Laura Pausini ma il progetto non si è concretizzato per un soffio»

La cantante di Leggiuno Paola Costantini

La cantante di Leggiuno Paola Costantini

Leggiuno è notoriamente conosciuta per essere la terra che ha dato i natali a tanti campioni dello sport, oppure a personaggi del mondo della cultura: ora annovera anche una giovane e promettente cantante di musica leggera Paola Costantini.

Paola ci racconti come hai cominciato ad avvicinarti al mondo della musica?

Sin da bambina la musica mi ha sempre affascinato e durante il periodo scolastico ho suonato nella locale banda il saxofono. Inoltre ho preso lezioni di piano da una straordinaria maestra come Fosca Monteggia; dopo il diploma al liceo linguistico, ho continuato a studiare e mi sono diplomata all'Accademia di Stresa. Quindi ho perfezionato il canto con insegnanti professionisti, ma soprattutto  coreografia, ballo e presenza scenica nell’interpretare i brani musicali. Ho cominciato a fare serate nei pianobar e nei villaggi turistici in giro per il mondo, poi purtroppo è arrivato il Covid che ha reso tutto difficile e da allora sono cambiate anche le modalità organizzative delle serate.

Come sono cambiate le cose nel settore e per quali motivi dopo il Covid?

I motivi sono prettamente economici, prima ci si muoveva in gruppo, si preparava l’evento in maniera dettagliata. Ora invece basta portare la base musicale e via, funziona così. Ho rimpianti per le serate in giro per l’Italia, con le mie colleghe nelle piazze in giro per tutto il territorio nazionale. 

Tu sei anche compositrice?

Sì compongo, musica e testi, registro i video, facendo promozione anche del territorio, in quanto metto in primo piano le straordinarie bellezze del Lago Maggiore. Nel tempo ho composta un Ep (on line) dal titolo "Prigioniera come sei" ed altre composizioni che si possono ascoltare sul mio canale You Tube.

Pur essendo giovanissima hai anche un'esperienza come conduttrice in televisione?

Anche questa esperienza mi è venuta in modo naturale e spontaneo. Ho passato momenti bellissimi con il gruppo di lavoro, quando conducevo per VcoAzzurra Tv il programma "Stasera debutto".

Ora di cosa ti stai occupando?

Sto scrivendo e lavorando ad un nuovo pezzo, recentemente ho scritto un brano intitolato "Ora non so dire addio", arrangiato da Alessandro Gallo al Digital Lake Studio, in stile sanremese adatto a Irene Grandi e "Dammi una perché", che è stato proposto per farlo interpretare a Laura Pausini. Purtroppo per un soffio il progetto non si è concretizzato, ma è stata comunque grande la soddisfazione.

Quali sono i tuoi programmi e progetti futuri?

Andare avanti con la musica certamente, fare qualche esibizione in zona  e comporre canzoni per altri, chissà che un giorno una mia canzone arrivi al Festival di Sanremo. 

In bocca al lupo Paola, cosi Leggiuno oltre ad aver avuto Rombo di Tuono, avrà, in futuro anche l’Ugola del Verbano. 

Claudio Ferretti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore