/ Economia

Economia | 05 giugno 2024, 15:45

Giornata dell’Ambiente: nel 2024 agricoltura del Varesotto è ostaggio del clima impazzito

Lo evidenzia Coldiretti Varese a commento dell’analisi diffusa oggi dall’organizzazione agricola a livello nazionale in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente

Giornata dell’Ambiente: nel 2024 agricoltura  del Varesotto è ostaggio del clima impazzito

Oltre un quarto del territorio italiano (28%) è a rischio degrado e desertificazione con il calo della disponibilità di acqua che si alterna agli effetti devastanti dei cambiamenti climatici, come dimostrano i 908 eventi estremi che si sono abbattuti sull’Italia nei primi cinque mesi del 2024, toccando da vicino anche il territorio della provincia prealpina con campi allagati e semine in ritardo. Lo evidenzia Coldiretti Varese a commento dell’analisi su dati Ispra e Eswd diffusa dall’organizzazione agricola a livello nazionale in occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente che si celebra oggi, 5 giugno.

Lo scorso anno la disponibilità idrica del Paese è diminuita del 18% secondo Ispra e l’effetto si è fatto sentire soprattutto nelle regioni del Sud, dove il 2024 è stato sinora caratterizzato da una gravissima siccità, alternato alla sovrabbondanza di precipitazioni che, quest’anno, ha investito il nord Italia e la provincia prealpina.

“Quel che preoccupa è l’imprevedibilità di questi fenomeni: come tutti ricorderanno, due anni fa furono invece i territori ad essere investiti dalla siccità, con caldo anomalo alternato a violente ondate di maltempo” puntualizza il presidente di Coldiretti Varese Pietro Luca Colombo. Anche nel Varesotto quest’anno si è già affacciata anche la grandine, che ha devastato le coltivazioni agricole, mentre le piogge violente hanno allagato i terreni sommergendo cereali e ortaggi e impedendo le semine.

L’agricoltura è l’attività economica che più di tutte le altre – ricorda Coldiretti Varese - vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici ma è anche il settore più impegnato per contrastarli. Un obiettivo che richiede un impegno delle istituzioni per accompagnare innovazione dall’agricoltura 4.0 con droni, robot e satelliti fino alla nuova genetica green no ogm ma servono anche investimenti per la manutenzione, risparmio, recupero e regimazione delle acque con un sistema diffuso di piccoli invasi che possano raccogliere l’acqua in eccesso per poi distribuirla nel momento del bisogno.

c. s.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore