/ Salute

Salute | 20 maggio 2024, 11:27

La scienza che dà valore alla persona e alla sua individualità: otto nuovi diplomati del Master in Senologia dell’Insubria

Si moltiplicano le iniziative di alta formazione organizzate dall’Università degli Studi dell’Insubria nel campo del tumore alla mammella. Il percorso annuale rappresenta un evento unico nel campo della formazione di figure professionali impegnate nella lotta al cancro al seno

La scienza che dà valore alla persona e alla sua individualità: otto nuovi diplomati del Master in Senologia dell’Insubria

Si moltiplicano le iniziative di alta formazione organizzate dall’Università degli Studi dell’Insubria nel campo del tumore alla mammella, con la proclamazione degli otto diplomati del Master di II Livello in Senologia, sesta edizione, anno accademico 2022-23, che si è tenuta venerdì 17 maggio nella sede di Villa Toeplitz a Varese, con la discussione delle tesi. 

Questo percorso, della durata di un anno, rappresenta un evento unico nel campo della formazione di figure professionali impegnate nella lotta al cancro al seno e vede discenti provenienti da tutt’Italia. 

Il Master, rivolto ai laureati in Medicina e chirurgia, è coordinato da Francesca Rovera, direttrice del Centro di ricerche in Senologia dell’Università dell’Insubria e responsabile della Breast Unit Asst Sette Laghi di Varese ed è  attivo nella realizzazione di programmi di formazione rivolti a tutti gli operatori sanitari dedicati alla senologia, nella promozione di campagne di informazione ed educazione alla salute, nella pianificazione di studi clinici e gruppi di lavoro, con particolare attenzione alla variante psicosociale. L’organizzazione del Master a Varese rappresenta pertanto un momento significativo per la crescita scientifica e culturale del territorio. 

«Siamo fermamente convinti che la ricerca della qualità passi attraverso la crescita complessiva di tutte le figure professionali coinvolte - spiega la professoressa Rovera -. Lo scambio di sapere è fondamentale per riuscire a dare alle pazienti risposte al passo con i tempi. È pertanto necessario operare nel rispetto di tre principi fondamentali: l’approccio multidisciplinare, la personalizzazione della cura e la rete tra operatori a vari livelli (medici specialisti, medici di medicina generale, infermieri, tecnici e volontari oncologici). Proprio da queste considerazioni è nata l’organizzazione di questo Master».

«Ritengo che l’alta incidenza per carcinoma mammario in Italia, in donne sempre più giovani - prosegue Rovera -, richiami tutti ad una riflessione scientifica, culturale, etica e sociale. Questo dato epidemiologico sollecita una costante attenzione alla diagnosi precoce e alla cura multidisciplinare e personalizzata: le pazienti devono trovare risposte di eccellenza, in linea con i continui progressi della ricerca, e la qualità della formazione è la base da cui partire. Ai medici il compito di immettere nella clinica la libertà di pensiero, di azione ed emozione. Non dobbiamo mai perdere il senso inestimabile della cura che riporta alla donna e non alla malattia».

La giornata, a cui hanno partecipato la dottoressa Adele Patrini, vicepresidente della Scuola italiana di Senologia e presidente dell’Associazione Caos, Centro ascolto operate al seno, e il professor Giulio Carcano, direttore del Dipartimento di Medicina e innovazione tecnologica dell’Università dell’Insubria, si è aperta con la lettura magistrale dal titolo «Il seno vissuto» del professor Giorgio Maria Baratelli, direttore dell’Unità di Senologia dell’Ospedale Moriggia-Pelascini di Gravedona e presidente della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, sede di Como.

Sono seguite le discussioni delle tesi che hanno approfondito, tra gli altri temi,  la conoscenza delle dimensioni etiche e storiche della disciplina, la  capacità di comunicare con chiarezza e umanità con il paziente e con i familiari, la capacità di collaborare con le diverse figure professionali nelle attività sanitarie di gruppo, soprattutto nell’organizzazione delle Breast Unit anche secondo la risoluzione A5-0159/2003 del Parlamento Europeo del 7 Maggio 2003, la capacità di applicare, nelle decisioni mediche, anche i principi dell’economia sanitaria e la capacità di riconoscere i problemi sanitari della comunità e di intervenire in modo competente.

c. s.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore