/ Gallarate

Gallarate | 20 maggio 2024, 08:25

Autolavaggi e banchi del mercato: 60.000 euro di sanzioni amministrative

Controlli a Gallarate di Polizia Locale, Carabinieri e Ispettorato del Lavoro. Verifiche su lavoro nero, formazione del personale, rispetto delle norme sulla sicurezza. Tentativi di fuga da parte di lavoratori irregolari. L’assessore alla Sicurezza, Germano Dall’Igna: «I controlli saranno intensificati»

Autolavaggi e banchi del mercato: 60.000 euro di sanzioni amministrative

Personale dell’Ispettorato del Lavoro, Carabinieri del NIL di Varese (Nucleo Ispettorato del Lavoro) ed Agenti della Polizia Locale di Gallarate, hanno eseguito una serie di controlli in città, volti a verificare la normativa in materia di sicurezza sul lavoro e di regolare assunzione dei dipendenti di alcune attività produttive. Il blitz ha visto l’impiego di un dispositivo composto da venti fra Agenti della Polizia locale, Carabinieri del NIL e Funzionari dell’Ispettorato del Lavoro.

Le prime verifiche sono state eseguite presso il mercato settimanale di Via de Magri dove, sotto la lente di ingrandimento sono finiti tre banchi di vendita di frutta e verdura. All’esito delle ispezioni due delle tre attività controllate non sono risultate in regola sia per quanto concerne la posizione dei lavoratori, sia per quanto attiene alla normativa in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro. Tre i dipendenti “in nero” privi di contratto di lavoro, sorpresi durante il blitz; due dei soggetti irregolarmente assunti dai titolari delle attività ispezionate, resisi conto di quanto stava accadendo, tentavano di darsi alla fuga, ma venivano immediatamente bloccati dagli Agenti posti a presidio delle possibili vie di fuga. Altre violazioni venivano contestate in materia di sicurezza sul lavoro; entrambe le attività infatti presentavano carenze per la mancanza del DUVRI (documento di valutazione rischi) ed assenza dei DPI (dispositivi di protezione individuale); inoltre veniva accertato che il personale illecitamente impiegato non è mai stato formato, non è stato sottoposto a visita medica così come non sono stati reperiti idonei luoghi di lavoro (sgabuzzini e spogliatoio).

Ultimati gli accertamenti presso l’area mercato il gruppo interforze ha proceduto al controllo di due autolavaggi, ove venivano colti a svolgere varie mansioni otto lavoratori irregolari. Anche in questo caso alcuni dei dipendenti “in nero”, originari del Pakistan e del Bangladesh, tentavano di allontanarsi ma venivano bloccati dalle pattuglie che avevano cinturato l’area. Accertate anche in tale circostanza violazioni in materia di sicurezza sul lavoro.

Complessivamente al termine dei controlli ammontano a 60.000 euro le sanzioni amministrative accertate; di pari valore quelle contestate per illeciti di natura penale per i quali verrà notiziata la Procura della Repubblica. Le quattro attività oggetto di controllo sono state sospese. Tale ultima misura rimane in vigore sino all’avvenuto pagamento dei 1.000 euro di sanzione ed al compiuto adempimento delle prescrizioni imposte ai trasgressori in sede di verifica.

Germano Dall'Igna, assessore alla Sicurezza: «Ringrazio, con il comandante Aurelio Giannini, le forze impegnate nei recenti controlli. Anche in considerazione di quanto emerso, l’intendiamo intensificarli, a tutela della sicurezza e di una corretta concorrenza».

C.S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore