Sport - 07 maggio 2024, 14:52

Nuova stagione nuova auto: il trionfale ritorno della Scuderia del Girasole sulle piste italiane

Per la Scuderia di Vergiate il campionato italiano TCR Italy 2024 è iniziato con la nuova Leon guidata in modo magistrale dal pilota siciliano Salvatore Tavano, già campione italiano per 3 anni consecutivi

Nuova stagione nuova auto: il trionfale ritorno della Scuderia del Girasole sulle piste italiane

Chi è appassionato di motorsport non vede l'ora della prima gara dell'anno, quella che dà ufficialmente il via alla stagione - che, si spera, sia ricca di emozioni e di colpi di scena.

Così, accende la tele, il tablet, il cellulare, qualsiasi dispositivo possibile, e si prepara a seguire la competizione, con quel leggero brivido che sa di adrenalina tipico dell'inizio di una nuova avventura.

Ma non può immaginare che ci sia qualcuno ancora più emozionato di lui, ancora più impaziente di indossare il casco, allacciare la cintura, salire in auto e iniziare a correre: i piloti.

Lo sa bene Salvatore Tavano, tornato per questa stagione 2024 del TCR Italy - Campionato Italiano Turismo, a gareggiare con la Cupra Leon TCR VZ della Scuderia del Girasole di Vergiate.

Un gradito - e tanto atteso - ritorno in pista della Scuderia e della sua squadra, guidata con energia e determinazione del Team Manager Tarcisio Bernasconi

«Sono contento di aver iniziato una nuova stagione con la Scuderia del Girasole, con Cupra, con i ragazzi, con loro c'è un rapporto che va oltre il lavoro, ma di amicizia vera e sincera, mi sento come se fossi tornato a casa», sono le emozionate parole di Tavano, soddisfatto dei risultati ottenuti al Marco Simoncelli Circuit di Misano questo weekend.

Il pilota siciliano, già vincitore assoluto del TCR Italy nel 2018, 2019 e 2020, è rimasto positivamente colpito dalla nuova auto, «Cupra ha fatto una nuova Leon, si vede il percorso di sviluppo e di crescita della nuova vettura di cui abbiamo intuito subito le grandi potenzialità a livello tecnico, ma dobbiamo avere il tempo di andare a provare per migliorare».

L'auto, infatti, è arrivata giusto in tempo per la gara, «ci è stata consegnata giovedì abbiamo fatto solo due turni di prove libere, siamo entrati subito nel vivo del weekend con le qualifiche e poi Gara 1 e Gara 2», al termine delle quali Tavano si è aggiudicato rispettivamente il secondo e il quinto posto, risultato più che soddisfacente considerando il tempo avuto per provare.

«L'auto esteticamente è molto bella, accattivante, Cupra sta sviluppando prodotti incredibilmente belli. Rispetto alla precedente, questa è molto diversa dal punto di vista tecnico, ci sono tanti spunti, tante zone da andare a scoprire e sviluppare, tante possibilità di messa a punto. Per questo è fondamentale programmare diversi test per iniziare a svilupparla per bene».

I test saranno importanti soprattutto in vista della prossima gara di campionato a Pergusa, una pista molto diversa da Misano, speriamo di arrivarci con qualche conoscenza in più per intervenire se servisse variare il set up della vettura. Il TCR non ha mai corso a Pergusa, è una pista storica, negli anni Ottanta e Novanta vi si svolgevano tante gare ma da tempo manca dal palinsesto delle corse, speriamo porti bene».

Questo 2024 si prospetta, quindi, come un vero "anno dei ritorni", con al tempo stesso, uno sguardo al futuro: «Guidare la nuova Cupra Leon è stata una bella sensazione, ho in mente tanto da fare, ci sono tanti spunti da approfondire, a Misano l'abbiamo messa in pista nelle condizioni migliori possibili in termini di affidabilità. Ora, iniziamo a lavorare!».

Giulia Nicora

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

SU