/ Varese

Varese | 12 aprile 2024, 11:08

Così è rinato il Padiglione Rossi: un gioiello degli anni '30 a disposizione dell'Insubria

Vi mostriamo in anteprima il risultato dei lavori conclusi all'ex ospedale psichiatrico di via Ottorino Rossi, passato nel 2015 in comodato d'uso all'ateneo cittadino: lo stabile, sottoposto a tutela, è ritornato allo splendore originario (FOTO e VIDEO)

Così è rinato il Padiglione Rossi: un gioiello degli anni '30 a disposizione dell'Insubria

Rinasce a nuova vita il Padiglione Rossi nel comparto di via Ottorino Rossi, che ora è pronto a servire al meglio le esigenze dell’Università degli Studi dell’Insubria.

Si tratta dell’ex ospedale psichiatrico, acquisito in comodato d’uso dall’ateneo cittadino nel 2015 e già oggetto di un prima parte di ristrutturazioni riguardanti in particolare la copertura, le facciate e una porzione del piano rialzato. Con gli ultimi lavori - iniziati a gennaio 2022 e conclusi il mese scorso, per un costo superiore ai 2 milioni di euro - l’intero stabile ha oggi completamente un altro volto.

L’opera è stata appaltata all’azienda Edilbros di Andria, chiamata a una missione non semplice visto che il padiglione - risalente agli anni ’30 del secolo scorso - è sottoposto a tutela della Sovrintendenza: numerosi dunque i vincoli da rispettare.

Il risultato - che VareseNoi vi propone in anteprima con le foto e il video allegati a questo articolo - ha riportato il padiglione allo splendore originario, mantenendo le caratteristiche tipiche degli ospedali di una volta: le finestre alte con specchiature all’inglese, le stanze circolari, soprattutto i pavimenti che - come spiegato al nostro giornale da Sabino Lomonte, direttore tecnico, e da Donato Schiavone, geometra e assistente Edilbros - sono stati rifatti nei disegni iniziali anche là dove erano arrivati completamente a mancare.

Una fatica certosina, che negli ultimi due anni ha appunto riguardato tutto il primo piano della struttura, la parte non ancora rimessa a nuovo del piano rialzato e la centrale impianti presente nei sotterranei. Completamente ristrutturati anche i bagni, ora adeguati anche alle esigenze delle persone diversamente abili, le scale, anch’esse sottoposte a vincolo e quindi ritornate al volto di un tempo, e realizzato un ascensore. In tutto il padiglione conta di 54 stanze, bagni esclusi.

La fine lavori è stata data ormai da un mese, si attende adesso il momento dell’inaugurazione. Come anticipato all’inizio, i nuovi locali saranno a servizio sia delle funzioni amministrative che di quelle accademiche dell’Università degli Studi dell’Insubria.

F. Gan.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore