/ Politica

Politica | 27 marzo 2024, 16:56

Carceri, Gadda: «Su recidiva molte parole ma pochi fatti»

La vicepresidente del gruppo di Italia Viva alla Camera, nel corso del question time con il ministro della Giustizia Nordio, ha puntualizzato: «Il sovraffollamento sta raggiungendo limiti ingestibili. Che altro si deve aspettare?»

Carceri, Gadda: «Su recidiva molte parole ma pochi fatti»

“Sono anche apprezzabili le parole e la sensibilità del ministro Nordio sulla necessità di migliorare la condizione nelle carceri e ridurre la recidiva, ma sulle misure necessarie da mettere in campo mancano i fatti e i risultati”. Lo ha detto Maria Chiara Gadda, vicepresidente del gruppo di Italia Viva alla Camera, nel corso del question time con il ministro della Giustizia Nordio.  

“I consigli d’aiuto sociale sono stati istituiti per legge con lo scopo di coordinare l’assistenza in carcere e post detenzione, ma sono rimasti sulla carta. Potrebbero accelerare l’organizzazione di attività lavorative e formative all’interno del carcere. Ma, soprattutto, sarebbero fondamentali per farsi carico di situazioni di povertà estrema, disagio sociale e psichico, costruendo percorsi già durante la detenzione e poi nella successiva fase di scarcerazione attraverso il coinvolgimento di istituzioni, assistenti sociali, Terzo settore e imprese.

Di certo, non sarà il Cnel, come ha risposto il ministro, a trovare lavoro alle persone detenute. E tantomeno burocratiche cabine di regia a trovare soluzioni abitative per chi si trova sprovvisto di legami familiari.

Ridurre la recidiva dei reati è nell’interesse pubblico, in termini di costi economici e sociali. È un peccato che non si vogliano trovare soluzioni serie e risorse ben finalizzate. Di sicuro non ha senso lasciare i consigli di aiuto sociale inattuati. Perché non cogliere l’opportunità dell'amministrazione condivisa introdotta con la riforma del Terzo settore per dare nuovo rilancio a questo istituto.

Oggi un nuovo suicidio in carcere, che si aggiunge ai 27 detenuti e 3 agenti che da inizio anno si sono tolti la vita. Il sovraffollamento sta raggiungendo limiti ingestibili. Che altro si deve aspettare?”, ha concluso la parlamentare varesina.

Redazione


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore