/ Territorio

Territorio | 10 marzo 2024, 12:08

VIDEO E FOTO. Celebrato il coraggio di Filippo Bonavitacola. Ai nazisti disse: «Sparate, non temo la morte. Viva l’Italia»

Un’affollatissima sala consiliare a Lonate Pozzolo ha voluto rendere omaggio, a 110 anni dalla nascita, al carabiniere che rifiutò di calpestare gli alamari strappatigli dai tedeschi. Presenti autorità politiche e rappresentanti delle forze dell’ordine

VIDEO E FOTO. Celebrato il coraggio di Filippo Bonavitacola. Ai nazisti disse: «Sparate, non temo la morte. Viva l’Italia»

«Soltanto dopo la morte potrete togliermi i distintivi ma non il valore, perché lo porterò con me dove non potete calpestarlo». Come dimenticare un carabiniere che fino all’ultimo ha stretto gli alamari e rivolgendosi ai nazisti che lo obbligavano a calpestarli a gran voce gridò: «Sparate non temo la morte, Viva l’Italia». Come dimenticare una medaglia d’oro al valore militare che fino all’ultimo ha tenuto alti i valori della patria? Lonate Pozzolo, dove si sono trasferiti i familiari, non ha dimenticato e questa mattina il sindaco Elena Carraro, giunta, associazioni, parlamentari, rappresentanti dei Marinai d’Italia, Alpini, Bersaglieri, Cavalieri del Fiume Azzurro, Pro Loco e ovviamente i carabinieri si sono dati appuntamento in sala consiliare per commemorare i 110 anni dalla nascita di Filippo Bonavitacola.

Una sala affollatissima che ricordando quel terribile 1944 ha voluto dire ai parenti di Filippo Bonavitacola che il suo gesto non è caduto nell’oblio, che ogni cinque anni verrà fatto riaffiorare coinvolgendo l’intera cittadinanza.

Lo ha chiarito il sindaco Carraro: «Bonavitacola è stato un esempio di attaccamento alla patria, di virtù militari e fierezza nazionale. Ha sempre onorato e portato in alto il nome della nazione, come tanti altri eroi anche in cambio della loro stessa vita e che con il loro sacrificio hanno contribuito alla costruzione dell’Italia libera e democratica». Le ha fatto eco l’europarlamentare Isabella Tovaglieri: «Importante ricordare un esempio di vita. Abbiamo l’onere e l’onore di trasmettere i valori che ci ha comunicato questo esempio alle future generazioni».

L’inno nazionale intonato dalla Filarmonica lonatese e dalla Fanfara Tramonti-Crosta ha accompagnato “gli onori alla bandiera”, rotto solo dalla voce del presidente dell’associazione anziani Giovanni Desperati (cerimoniere) che ha gridato il nome di Filippo Bonavitacola. È stata poi deposta la corona dal sindaco e dal generale Giovannelli. Tutti sull’attenti hanno partecipato alla coinvolgente cerimonia. Si è ricostruita la vicenda del carabiniere ucciso.

«Dopo essere stato catturato per aver salvato numerose vite umane, i tedeschi lo obbligarono a calpestare gli alamari per salvarsi la vita, ma egli stringendoli in mano, gridò: “Soltanto dopo la morte potete togliermi i distintivi ma non il valore, perché lo porterò con me dove non potete calpestarlo. Sferrò un pugno all’ufficiale tedesco che voleva bendarlo, poi sbottonò la giubba e a gran voce gridò: “Sparate non temo la morte, viva l’Italia”».

Tutti gli intervenuti hanno ringraziato l’arma dei carabinieri per la preziosa attività quotidiana. Ringraziamento da parte del generale Nazareno Giovannelli, di Tovaglieri e del deputato Riccardo De Corato. Accanto a loro sedevano il generale Eugenio Morini e il coordinatore della provincia di Varese Paolo Cazzola. Presente anche il vicesindaco Andrea Colombo.
La commemorazione si è conclusa nella chiesa di Sant’Ambrogio con la celebrazione della messa.

Laura Vignati

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore