/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 22 febbraio 2024, 11:40

Roghi d'auto: tra via Gavinana e piazza XXV Aprile succede una volta all’anno

Gli incendi della notte tra lunedì e martedì arrivano dopo un paio di altri episodi, avvenuti a pochi passi. Il più sospetto 12 mesi fa, quando il fuoco divorò una Toyota, danneggiando un’edicola

Un anno fa, il rogo di un'auto in piazza XXV Aprile, a pochissima distanza dagli incendi di via Gavinana

Un anno fa, il rogo di un'auto in piazza XXV Aprile, a pochissima distanza dagli incendi di via Gavinana

Saranno coincidenze, sarà sfortuna, saranno episodi diversi e non collegati fra loro. Ma le auto, nella zona di Busto compresa tra piazza XXV Aprile e le vie Culin/Miani, passando per via Gavinana, vanno a fuoco con una frequenza sconosciuta ad altre porzioni di territorio cittadino. È la curiosità in questa zona della città.

Ovviamente i roghi che hanno coinvolto i nove mezzi danneggiati o distrutti nella notte tra lunedì e martedì  scorsi rappresentano l’episodio di gran lunga più eclatante (VEDI QUI). Ricordiamo intanto che un incendio, sulla cui causa si stanno svolgendo indagini, è avvenuto anche nella vicina Legnano (VEDI QUI).

Ma ci sono almeno due precedenti. Era l’inizio di marzo 2022 quando i Vigili del Fuoco intervennero in via Gavinana per un mezzo in fiamme, parcheggiato più o meno all’altezza del furgone bruciato l’altra notte (VEDI FOTO SOTTO ALL'ARTICOLO, da Busto Arsizio 360). Anche in quel caso, danni alla vettura, semidistrutta, e nessuna conseguenza per le persone.

Esattamente un anno dopo, era il 12 marzo 2023, toccò a una Toyota lasciata per una notte in piazza XXV Aprile, a meno di un minuto a piedi da via Gavinana. Il veicolo apparteneva a un volto noto, l’atleta (e dipendente della vicina farmacia Bossi) Riccardo Maino, che contava di recuperarlo una volta tornato da una gita. Al suo posto trovò una macchia nera, per terra: l’auto, già portata via da un carro attrezzi, era ridotta a un rottame (VEDI QUI e FOTO IN APERTURA). Anche in quel caso, fiamme e boati ma nessun ferito. Problema tecnico o vandalismo? Difficile a dirsi ma, dopo l’episodio dell’altra notte, il partito di quanti pensano a un atto volontario, in zona, è cresciuto.

Oggi come allora, fra l’altro, non furono solo le auto a riportare danni. Gli incendi più recenti hanno lambito una finestra e l’ingresso di un condominio (le auto, peraltro, erano parcheggiate non lontano, in linea d’aria, dal locale caldaia dell'immobile, VEDI QUI e QUI) mentre, 12 mesi fa, il calore fece sentire i suoi effetti sull’edicola di piazza XXV Aprile, fra l’altro sciogliendo parzialmente un pannello posizionato su una parete esterna, per fortuna risparmiando i prodotti cartacei presenti nella piccola struttura.

Molto più remoto, ma certamente dovuto a una precisa intenzione, il caso dell’incendio nel vicino parcheggio di via Culin. Era il 2017 e ignoti appiccarono il fuoco a una Jaguar, in sosta notturna. Auto, anche in quel caso, completamente distrutta.

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore