/ Economia

Economia | 21 febbraio 2024, 18:19

Il presidio di Cgil e Uil a Varese per la sicurezza sul lavoro, poi l'incontro con il Prefetto: «Basta morti»

Manifestazione dei sindacati all'Ispettorato del Lavoro e a Villa Recalcati con i segretari generali confederali e le categorie dei meccanici e degli edili: «Le morti sul lavoro non sono mai una casualità ma sono figlie di precise responsabilità, vuoti normativi e leggi sbagliate»

L'incontro dei sindacati Cgil e Uil con il Prefetto di Varese sul tema della sicurezza sul lavoro

L'incontro dei sindacati Cgil e Uil con il Prefetto di Varese sul tema della sicurezza sul lavoro

«Basta morti sul lavoro» è il grido che si è levato forte oggi anche a Varese in occasione della manifestazione e del presidio organizzati oggi da Cgil e Uil all'Ispettorato del Lavoro e in piazza Libertà, con successivo incontro di una delegazione guidata dai segretari generali Stefania Filetti e Antonio Massafra, con il Prefetto Salvatore Pasquariello. Con loro anche i rappresentanti delle categorie degli edili e dei metalmeccanici. 

«Riteniamo da sempre urgente intervenire sul tema della sicurezza sul lavoro con provvedimenti concreti e non più rinviabili per questo vogliamo sensibilizzare la cittadinanza sul tema, svolgendo il volantinaggio e scioperando con le lavoratrici e i lavoratori del comparto delle costruzioni» affermano un nota Annunziato Larosa e Davide Bellotto di FenealUil Alta Lombardia e Fillea Cgil Varese. 

«Se negli appalti pubblici tra cui il PNRR, grazie a Protocolli Territoriali con gli Enti, si riesce ad avere un insieme di regole che possono aiutare ad arginare la strage di lavoratrici e lavoratori, nel settore privato è da tempo chiediamo di portare le tutele presenti nei cantieri pubblici a quelli privati» proseguono Larosa e Bellotto a margine dell’incontro avvenuto con l'Ispettorato del Lavoro e successivamente con il Prefetto di Varese, in occasione dello sciopero generale proclamato da Cgil e Uil insieme alle categorie degli edili e dei metalmeccanici e gli altri comparti delle costruzioni, cemento, laterizi, legno e arredo, lapidei.

«Le morti sul lavoro – proseguono – non sono mai una casualità ma sono figlie di precise responsabilità, vuoti normativi e leggi sbagliate, a cominciare dalla scelta del governo di non introdurre tutele per gli appalti privati e reintrodurre con il nuovo codice degli appalti il subappalto a cascata. Imprese non qualificate, mancato rispetto dei contratti collettivi, massimo ribasso sui costi per la manodopera e per la sicurezza, false partite iva, sfruttamento dei cottimisti, mancati controlli, poche risorse per ispettori e forze dell’ordine, mancata attuazione della patente a punti, assenza del reato di omicidio sul lavoro e molto altro ancora sono i punti espressi, in sede Prefettizia, su cui chiediamo attenzione». 

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore