/ Politica

Politica | 10 febbraio 2024, 12:37

Giorno del Ricordo, Galimberti: «Ricordare è un dovere, per onorare e produrre anticorpi»

Il sindaco di Varese durante la cerimonia che si è tenuta in Sala Montanari insieme all'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia: «È importante ribadire in modo aperto e senza timore che Varese crede nella democrazia, nella libertà ed è contro ogni genere di dittatura e totalitarismo»

Giorno del Ricordo, Galimberti: «Ricordare è un dovere, per onorare e produrre anticorpi»

Questa mattina in occasione delle celebrazioni del Giorno del Ricordo, che ricorre il 10 febbraio, si è tenuta in Sala Montanari a Varese la cerimonia organizzata dalle istituzioni insieme all'Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia.

Queste le parole del sindaco Davide Galimberti durante l'incontro: "Il Giorno del Ricordo celebra la memoria delle vittime delle Foibe, una pagina drammatica della nostra storia, con le violenze e gli orrori perpetrati su migliaia di persone che vivevano nelle terre del confine orientale del nostro Paese. Atti inaccettabili che hanno provocato un carico di sofferenza e dolore che non può e non deve trovare nessuna giustificazione, in nessuna epoca. Ricordare quegli eventi drammatici è quindi un nostro dovere morale, civile e politico, per onorare le vittime dei massacri e soprattutto per far sì che la memoria collettiva produca anticorpi, per evitare così che possano ripetersi tali devastazioni della libertà e del rispetto dei diritti umani. 

Malgrado queste esperienze di un passato così doloroso, oggi purtroppo sempre più spesso assistiamo con angoscia all'emergere di atti e iniziative che si richiamano apertamente all’odio, ai totalitarismi, al fanatismo, alla discriminazione razziale, etnica o religiosa. Per questo credo che oggi più che mai sia importante respingere con fermezza e in modo netto i gesti inaccettabili di chi si ispira agli estremismi che negano il rispetto dei diritti civili. Quando un'associazione, un movimento, al di là di ogni orientamento politico, persegue finalità antidemocratiche denigrando i valori costituzionali o profanando i luoghi che rappresentano le istituzioni, non possiamo e non dobbiamo restare indifferenti. E' anzi importante ribadire in modo aperto e senza timore che Varese crede nella democrazia, nella libertà ed è contro ogni genere di dittatura e totalitarismo.

La nostra città così come tutto il nostro Paese si riconoscono solo nei valori sanciti nella nostra Costituzione, un'opera straordinaria perché in ogni sua parola sottolinea l'importanza del rispetto delle libertà e dei diritti civili,  rendendo pertanto inaccettabile che qualcuno pensi di poterli calpestare. Quest'anno nella ricorrenza del Giorno del Ricordo la nostra città condanna con ancora maggiore forza le violenze compiute in un passato irripetibile e al tempo stesso condanna ogni forma di prevaricazione e violenza, per ribadire invece la civiltà dei valori democratici della nostra Costituzione".

Redazione


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore