/ 

| 06 febbraio 2024, 11:00

FOTO - I bustesi sporcano al sabato. E si vede di domenica

Cestini intasati da sacchetti pieni di spazzatura domestica: il fenomeno, notoriamente diffuso, ha cadenza quasi regolare. Gli scatti, a intervalli fissi, in due punti diversi e distanti di Busto, immortalano l’inciviltà ricorrente degli “utenti”. Speranza dalle fototrappole? Occhi puntati su un eventuale “effetto sacchi azzurri”

Lo stato di un cestino in piazza San Donato, a Sacconago, in quattro domeniche consecutive

Lo stato di un cestino in piazza San Donato, a Sacconago, in quattro domeniche consecutive

Vita difficile per i cestini della spazzatura, a Busto Arsizio, e soprattutto per chi li deve svuotare, provvedendo pure a portare via quanto viene depositato ai loro piedi. Le foto raccolte in fondo a questa pagina (e in apertura) sono state scattate nell’arco di circa un mese (date: 14, 21 e 28 gennaio, 2 febbraio 2024), in due zone diverse di Busto: piazza  San Donato, a Sacconago, e via Gavinana, non lontano dal Tribunale, a metà strada tra Ztl e ospedale. Nel primo caso, i cestini immortalati sono due, uno ai margini della piazza e uno di fronte al cinema Lux. Nel secondo, il “fotoromanzo” ha per protagonista un solo raccoglirifiuti, a poca distanza da via Mentana.

Entrambe zone residenziali, caratterizzate da un discreto ma non intenso passaggio di persone e auto, ben illuminate. Ci sarebbe di che scoraggiare l’uso improprio dei cestini che, invece, vengono riempiti puntualmente da sacchetti contenenti di tutto e, con ogni evidenza, provenienti da abitazioni. La domenica è il giorno in cui i raccoglitori offrono lo spettacolo più desolante: pieni fino all’orlo e oltre, a volte sono circondati da immondizia in eccedenza. Non mancano le buste che i padroni di cani, quelli intenzionati a rispettare le regole, utilizzano per raccogliere da terra i bisogni dei loro animali. Peccato che lo stato delle pattumiere li obblighi spesso ad abbandonare gli involucri a terra o ad appoggiarli, in traballante equilibrio, su piramidi di indifferenziato. Anche quando i cestini non traboccano, basta un’occhiata al loro interno per scorgere sacchetti gonfi di spazzatura.

Due porzioni urbane, due “spaccati” di un fenomeno che colpisce in tutta la città. E sul quale l’attenzione di molti è alta, tra guerra agli incivili che si vuole portare avanti anche con le fototrappole (via per Cassano "osservata speciale" VEDI QUI) e le novità legate ai nuovi “sacchi intelligenti”, quelli azzurri con Rfid (vedi per esempio QUI). Ironia della sorte, uno dei momenti più partecipati per informarsi sulla raccolta puntuale (VEDI QUI) si è tenuto proprio al teatro Lux, a pochi metri da cestini periodicamente sommersi.

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore