/ Calcio

Calcio | 23 gennaio 2024, 10:30

Gigi Riva e i tanti ricordi di “Rombo di Tuono”: dal suo lago ai gol acrobatici con Cagliari e Nazionale, «addio leggenda»

La leggenda del Cagliari e della Nazionale è scomparsa ieri all'età di 79 anni. Gigi Riva è entrato nelle vite e nei cuori di tante persone. Ecco alcuni omaggi dagli esponenti politici del territorio. Fontana: «Riposa in pace, campione»

Gigi Riva e i tanti ricordi di “Rombo di Tuono”: dal suo lago ai gol acrobatici con Cagliari e Nazionale, «addio leggenda»

Gigi Riva è stato un mito, nessuno ha segnato tanto in Nazionale come lui. La sua impresa più grande, lo scudetto con il Cagliari nel 1970. Ha amato l'Italia e la Sardegna, senza mai tradirli. Anche per questo la sua leggenda è diventata mito, e la notizia della sua morte ha colpito un po' tutti. Anche dalle “nostre parti”: Rombo di Tuono, nato e cresciuto a Leggiuno, ha mosso i primi passi da calciatore nel Legnano (è cittadino onorario della città del Carroccio), prima di spiccare il volo verso grandi traguardi.

«Addio a Gigi Riva, leggenda del calcio italiano e miglior marcatore di tutti i tempi della Nazionale Azzurra. Un abbraccio ai famigliari di "Rombo di Tuono" e a tutti i suoi ammiratori sparsi nel mondo». Queste le parole dell'europarlamentare di Busto, Isabella Tovaglieri, che salutano un mito del calcio come Gigi Riva, amato e apprezzato anche per quel suo carattere schivo e riservato.

Poi sopraggiunge il ricordo personale dell'ex consigliere comunale di Busto, Antonio Corrado, interista doc: «Ricordo a San Siro un Inter-Cagliari 0 a 1, gol di Gigi Riva.. Io e mio papà presenti... Tanto di cappello rombo di tuono» giusto a sancire la grandezza del calciatore (oltre che dell'uomo) che ha scritto una pagina memorabile e indelebile della storia del calcio italiano. Portando Cagliari e la Sardegna sul tetto d'Italia e sulla bocca di tutti.
Umberto Rosanna, medico ed ex consigliere comunale, semplicemente: «Addio leggenda».
E il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, che ricorda il mito “partito” da Leggiuno e dal suo lago: «Addio Gigi! Due i ricordi che mi vengono subito in mente se penso al grandissimo Gigi Riva: la nostra Leggiün (Leggiuno) e il suo lago, dove era nato, e i gol “acrobatici” con la maglia del Cagliari e della Nazionale. Esprimo, anche a nome della Regione Lombardia e di tutti i lombardi, le più sentite condoglianze ai familiari e ai suoi cari. Riposa in pace, campione».

Infine Luca Macchi, volto politico di Samarate ed ex presidente del consiglio provinciale: «Era di Leggiuno e a volte veniva all'oratorio di Brebbia dal don Guido Macchi, ero un bambino e lui era "il rombo di tuono", che emozioni per noi bambini. Allora i campioni, quelli veri, andavano negli oratori e facevano sognare i bambini». Come quando, aggiungiamo noi, sui campi sterrati degli oratori si segnavano dei grandi gol e ci si sentiva sempre ripetere: «E chi sei... Gigi Riva?».

A. M.


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore