/ Politica

Politica | 22 gennaio 2024, 15:50

In arrivo militari in più nel Varesotto per l’operazione “Strade Sicure”, Bordonaro (Lega): «Bravo il governo, ora anche il Comune faccia la sua parte»

I suggerimenti del Segretario della Lega di Varese al sindaco Galimberti e all'assessore Catalano: «Un nuovo presidio in centro e un piano di assunzioni della Polizia Locale. La smettano di nascondersi dietro un dito e ammettano il problema sicurezza»

Marco Bordonaro, Segretario della Lega di Varese

Marco Bordonaro, Segretario della Lega di Varese

«Grazie al Governo che ha destinato dieci militari in più per la missione ‘Strade Sicure’ nella nostra provincia, una attenzione importante di cui siamo grati, anche dopo le nostre segnalazioni»: così Marco Bordonaro, Segretario della Lega di Varese, commentando l’ultima notizia riguardante l’allargamento del contingente a presidio della sicurezza nella nostra provincia, che arriva ora a un totale di 28 elementi.

«Nell’attesa che il Comune risolva gli evidenti problemi di organico della Polizia Locale, emersi anche in seguito all’audizione con i sindacati in Commissione Sicurezza di Palazzo Estense, sarebbe prezioso avere i militari di ‘Strade Sicure’ anche a Varese, esattamente come succede in altri capoluoghi. Anche se - continua il Segretario leghista - la soluzione a tanti problemi di Varese sarebbe l’assunzione, da parte del Comune, di alcune decine di agenti di Polizia Locale in più».

«Varese si sta contraddistinguendo per i troppi fatti di cronaca riguardanti la sicurezza, delle maxirisse ai furti in centro, questi ultimi compiuti, di recente, dalla ‘banda del monopattino’ che ha già colpito più volte nei negozi del centro - continua Bordonaro – la situazione si sta aggravando, mentre Palazzo Estense tace».

«E’ ormai fondamentale che il Sindaco Davide Galimberti e l’assessore Catalano smettano di nascondersi dietro un dito e ammettano il problema sicurezza a Varese – continua il segretario leghista – perfino il Sindaco Giuseppe Sala a Milano lo ha fatto. Galimberti richieda, nelle sedi opportune, un presidio dei militari».

«Per Varese avere i militari dell’operazione “strade sicure” non sarebbe una novità: già durante l’emergenza Covid era stato destinato un presidio che stazionava in Piazza Monte Grappa. I militari potrebbero presidiare tutte quelle zone che a Varese sembrano spesso terra di nessuno: ad esempio, piazza Repubblica, dove la 'casetta' della Polizia Locale è quasi sempre chiusa, o la zona delle stazioni, come in via Como» suggerisce Bordonaro. 

«Come Lega continueremo a lottare finché non ci sarà un evidente miglioramento della situazione. Se la sinistra che governa la città non riesce a garantire i cittadini, può sempre farsi da parte e lasciare il posto a chi si impegnerebbe di più» conclude il Segretario della Lega.

Redazione


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore