/ Scuola

Scuola | 30 novembre 2023, 17:36

Galilei e Parini allo spettacolo “Fisica Sognante”. E si realizza il sogno di un nuovo inizio

Venerdì gli studenti delle medie di Borsano e Sacconago andranno tutti insieme a teatro dopo tanto tempo, per un approccio laboratoriale divertente alle materie scientifiche

Le scuole medie Galilei e Parini (foto da sito istituzionale IC Galilei di Busto)

Le scuole medie Galilei e Parini (foto da sito istituzionale IC Galilei di Busto)

Fisica sognante” è il titolo dello spettacolo a cui tutti gli studenti delle scuole medie Galileo Galilei di Sacconago e Parini di Borsano assisteranno venerdì al Cinema Teatro Lux. E oltre al “sogno” di imparare la fisica e la matematica divertendosi, realizzeranno anche quello di tornare a teatro tutti insieme.

La rappresentazione di Federico Benuzzi ha lo scopo di far appassionare i ragazzi alla fisica, alla matematica e alla scienza attraverso la giocoleria e il divertimento, spiegando quali leggi e formule permettono questi trucchi. Il nuovo modo di insegnare - che vuole unire gioco, divertimento e innovazione - sarà applicato spesso all’Istituto Comprensivo Galileo Galilei, soprattutto verso le materie scientifiche, che sono le più ostiche.

«I ragazzi sono molto eccitati e hanno tanta voglia di assistere allo spettacolo - racconta Roberta Mauceri, vicepresidente del Comitato Genitori -. È la prima volta che vanno a teatro tutti insieme dopo tanto tempo, e noi lo abbiamo fortemente voluto».

Il Comitato Genitori vuole regalare esperienze agli studenti, e per questo ha deciso di contribuire pagando una quota dell’uscita didattica, chiedendo alle famiglie una somma simbolica, per far capire che «il Comitato c’è, ma ha bisogno di aiuto da parte di tutti».

L’esperienza è permessa e sostenuta dalla nuova dirigente dell’Istituto Comprensivo di Busto, Patrizia Isabella, che «è una dirigente empatica, con tanta voglia di continuare il lavoro iniziato dal collega precedente - continua Roberta Mauceri -. Sta cercando di risollevare queste scuole di periferia, facendosi in quattro anche per le famiglie».

Patrizia Isabella si è trasferita dalla Calabria per restare: ha scelto queste scuole e ha intenzione di fare progetti a lungo termine. «Dobbiamo costruire giorno per giorno - dichiara - anche se vedremo i frutti tra qualche anno. Sono sicura che ci sono i margini per crescere perché c’è una bella vivacità intellettuale, e anche l’intesa è stata immediata. È una bellissima realtà».

Felice dell’accoglienza ricevuta, la nuova dirigente apprezza molto l’impegno del Comitato Genitori, sempre presente, che - insieme a lei - sta cercando di dare una linea comune ai sei plessi, secondo una visione verticale dell’istruzione che promuove la continuità e l’organicità, dalla scuola dell’infanzia fino alla secondaria di primo grado.

I progetti non mancano: dal prossimo open day con un aperitivo a chilometro zero, fino all’ambizione di continuare ad essere una “scuola green” attenta all’ambiente, proponendo - tra le altre cose - una Gioeubia senza impatto inquinante.

«Vogliamo aprirci al territorio - spiega Patrizia Isabella - ed essere un centro di iniziative e vivacità culturale, in collaborazione con le famiglie, le associazioni e l'Ente Comunale, da sempre a sostegno delle iniziative dell'istituto».

Alessia Martignon

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore