/ Ciclismo

Ciclismo | 03 ottobre 2023, 15:46

VIDEO - "La corsa di casa" è qui: le voci e le emozioni della Varese che segue la Tre Valli

Mentre lungo il circuito, soprattutto sul Montello e sulle salita di Bobbiate, cresce il grande pubblico, in zona arrivo sono tante le personalità intente a non perdersi lo spettacolo

I corridori al passaggio di piazza Monte Grappa (fotogallery a cura di Alessandro Umberto Galbiati)

I corridori al passaggio di piazza Monte Grappa (fotogallery a cura di Alessandro Umberto Galbiati)

Cresce il pubblico sul circuito cittadino chiuso al traffico (clicca QUI), in particolare sul Montello e sul traguardo di via Sacco, in attesa dell'arrivo dell'edizione numero 102 della Tre Valli partita questa mattina da Busto (clicca QUI).

Tutti attendono Roglic e Pogacar, ma qualcuno sogna anche il colpo di Vincenzo Albanese, a cui basterebbe un piazzamento per vincere il diamante del Trittico. È il caso di Francesco Caielli, giornalista varesino che lavora per la Eolo-Kometa e che, sotto il pullman blu di piazza Monte Grappa, incontra un altro "mastino" come il coach svedese dei gialloneri dell'hockey, Niklas Czarnecki. «Puntiamo tutto su Fortunato e Albanese, ieri secondo alla Bernocchi. Anche perché vincere la corsa "di casa" è sempre un sogno». «Si capisce quanto sia importante questa corsa per questa città - dice invece il condottiero giallonero - È davvero bello essere qui»

Il sindaco di Varese Davide Galimberti, davanti a Palazzo Estense, "sotto casa" per la "corsa di casa": «La Tre Valli ha sempre un fascino incredibile, come dimostra l'atmosfera intorno al circuito. Si consolida sempre di più questo territorio come terra di ciclismo e sport».

Ma sotto il Palazzo Comunale ci sono anche due "corridori" speciali come Mauro Vitiello, presidente della Camera di Commercio, con il figlio Giacomo, corridore: «La Camera di Commercio continua a credere alla Tre Valli - esclama - perché la nostra attrattività passa anche da essa. Bisogna ringraziare la Binda per il lavoro che fa».

Vittorio Ballerio della Binda, che come ogni vigilia ieri sera si è accampato in piazza Monte Grappa per coordinare gli ultimi preparativi: «La corsa sta diventando sempre più importante, lo dimostrano le presenze dei corridori, da Pogačar in giù. Promuovere il ciclismo è fondamentale, perché per questo territorio promuovere il ciclismo significa promuovere anche il turismo. Il sogno? Riportare qui il mondiale. Ci abbiamo già provato e ci proveremo».

F.G.-A.C.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore