/ Economia

Economia | 26 giugno 2023, 00:01

Condizionatori in condominio: quali regole?

L’ESPERTO RISPONDE - Approfondiamo insieme a Camera Condominiale Varese un tema di sicuro interesse, in particolare con l’arrivo delle alte temperature estive: ecco cosa bisogna sapere sul tema aria condizionata in casa

Condizionatori in condominio: quali regole?

L'aria condizionata, quell’invenzione di matrice americana che permette di avere aria fresca d’estate e calda d’inverno. Unico neo lo spreco di energia, che ha un costo caro non solo dal punto di vista economico ma anche da quello ambientale. 

In condominio i condizionatori oramai costituiscono la regola anche se la loro installazione dovrà garantire che l’impianto non sia rumoroso e che l’installazione dello stesso non arrechi danni estetici all’edificio. In redazione è pervenuto un quesito: «Vivo in un edificio con cinquanta appartamenti: posso installare due o tre condizionatori? Oppure ci sono dei limiti da rispettare? Grazie». 

Gentile lettore, installare un impianto sul balcone della propria casa è un suo diritto, non è necessaria un’autorizzazione né bisogna chiedere alcun permesso. Però la legge evidenzia che il suo diritto non deve ledere quello di un altro. Infatti il proprietario dell’immobile deve informare preventivamente l’amministratore di condominio; non danneggiare l’estetica della facciata; rispettare le distanze minime tra balconi e finestre; rispettare la normativa comunale qualora l’installazione del condizionatore venga effettuata sulla facciata dell’edificio.

Per tutelare il decoro estetico della facciata l’assemblea ha il diritto di esprimere il suo disaccordo per evitare che il decoro venga alterato. Ecco perché si suggerisce, ove possibile, di montare l’impianto su un balcone che affacci su una parte interna dell’edificio.

Per i rumori che l’impianto potrebbe emettere, in fase di acquisto di un condizionatore è bene valutare un modello anche in base alla silenziosità. Infine per le distanze minime da rispettare, il condizionatore non può essere fissato alla parte inferiore del balcone del piano superiore a quello del vicino. La soglia minima da rispettare è di 1,5 metri quando l’installazione di un condizionatore può ledere spazio e distanze di vedute panoramiche.

In conclusione la normativa è chiara: occorre buon senso e all’atto dell’acquisto scegliere il condizionatore in base all’edificio in cui si vive.

IL PROGETTO “L’ESPERTO RISPONDE” A CURA DI CAMERA CONDOMINIALE VARESE

“La cultura è alla base della società, rendendoci indipendenti, liberi e spingendoci al ragionamento ad avere buon senso”. E in questo contesto di Welfare State, inteso come sistema sociale diretto a garantire la sicurezza e il benessere dei cittadini, che si inserisce il percorso intrapreso dalla Camera Condominiale di Varese, in persona del direttore generale Andrea Leta.

Una visione futuristica “de la compropriété”, come direbbero i cugini d’Oltralpe, quella della Camera Condominiale locale. Visione favorevolmente accolta anche dall’Unione Nazionale Camere Condominiali, presieduta dall’avvocato Michele Zuppardi, il cui fine è promuovere la ricerca, lo studio e la formazione di base e permanente nel campo del diritto, della tecnica, dell’amministrazione e più in generale della gestione del condominio e diffonderne risultati e di altre attività indicate nello Statuto.

La sede di Camera Condominiale Varese è situata in viale Ticino 24 a Gavirate. Per tutte le informazioni sono a disposizione la mail info@cameracondominialevarese.it, il numero di telefono 0332629323, il sito internet www.cameracondominialevarese.it e la pagina Facebook @CameraVarese.

A cura dell’Avv. Sabina Vuolo - Avvocato Cassazionista, Articolista Giuridico

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore