/ Territorio

Territorio | 25 marzo 2023, 12:03

Le lacrime del cielo e il silenzio di Mesenzana per Giada e Alessio

Dopo la commemorazione e l'intitolazione della panchina rossa di venerdì mattina, ieri sera si è svolta in paese la processione al cimitero, preceduta dalla messa, alle quali hanno partecipato centinaia di persone. Il parroco don Michele: «Custodiamo la scintilla della loro vita per imparare a sostenerci a vicenda»

La foto della processione al cimitero di Mesenzana tratta da Luinonotizie.it

La foto della processione al cimitero di Mesenzana tratta da Luinonotizie.it

Fiori colorati e peluche, bagnati dalle lacrime e da una leggera pioggia primaverile, coprivano ieri sera, in un silenzio assordante, le tombe di Giada e Alessio, all’arrivo in cimitero a Mesenzana dopo una lenta camminata dalla chiesa fino al camposanto, per commemorare i due fratellini ad un anno esatto dalla scomparsa, per mano del loro papà.

Centinaia i partecipanti che hanno riempito la Chiesa e che non sono voluti mancare per far sentire l’affetto e la vicinanza ad un’intera famiglia, a mamma Luana e ai nonni su tutti, in occasione della Santa Messa celebrata da don Michele Ravizza, che ha voluto ricordare i due piccoli attraverso le parole del Vangelo sull’annunciazione.

«Stiamo facendo la stessa cosa che ha fatto Maria, stiamo custodendo una scintilla di vita – ha dichiarato don Michele durante la predica -. C’è quando c’è il ricordo, quando ci si sostiene, quando si accompagna il cammino doloroso di una persona e siamo chiamati a farlo ogni giorno… a custodire scintille di vita. Dopo un anno oggi siamo un punto a capo. Non perché si dimentica la storia, ma perché si impara a guardare al futuro perché si vuole imparare a custodire una scintilla di vita, altrimenti il ricordo diventa solo una tristezza».

«Dobbiamo imparare a sostenerci reciprocamente in ogni passaggio e farlo quando ce n’è bisogno. Imparate a custodirvi non sempre rimarcando quello che è successo, ma guardando in avanti imparando a crescere assieme», ha commentato ulteriormente il parroco del paese.

In un silenzio sommesso e catartico, spazio alla musica, con una canzone molto toccante, scritta appositamente per l’occasione dall’artista luinese Paolo Prato, dal titolo “Ma sono qui”, che entrando nei cuori e nelle anime di tutti i presenti, è riuscita a far commuovere e piangere tanti presenti, omaggiando in questo dolce modo sia Giada che Alessio. Infine, la cornice finale è stata affidata a “Mantieni il bacio”, un brano di Michele Bravi, e alla benedizione di don Michele.

Agostino Nicolò da Luinonotizie.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore