/ Politica

Politica | 24 marzo 2023, 09:16

Barcaro: «Accetterò deleghe provinciali. E gli eventuali provvedimenti della Lega»

«Chi non fa il bene del territorio non fa il bene della Lega, accetterò gli eventuali provvedimenti del mio movimento, consapevole di essere nel giusto», afferma l’ex vicepresidente della Provincia

Barcaro: «Accetterò deleghe provinciali. E gli eventuali provvedimenti della Lega»

«Ho deciso di accettare eventuali deleghe provinciali». La conferma arriva da Alberto Barcaro, al quale il presidente Marco Magrini aveva pubblicamente aperto le porte della squadra di governo, esprimendo la propria stima nei confronti di colui che a Villa Recalcati si era già occupato di Protezione civile.

Lunedì, in conferenza stampa, verranno presentati i nuovi consiglieri delegati, che completeranno “l’esecutivo” provinciale (leggi qui).
Tra di loro ci sarà quindi il leghista Barcaro, già vicepresidente di Emanuele Antonelli, che a questo punto si dice pronto ad accettare «gli eventuali provvedimenti del mio movimento, consapevole di essere nel giusto».

In una nota, Barcaro parte dalla mancata candidatura alle elezioni regionali: «La Politica non si deve fare sui social, ma tra la gente per cercare il più possibile di risolvere i problemi che i cittadini e gli amministratori hanno. La "rabbia" della mia mancata candidatura alle regionali è passata da tempo e tengo a precisare che nessuno aveva l'ambizione "calcolatrice alla mano” di arrivare tra i primi due posti. Ero convinto di poter arrivare terzo, e tutti lo sanno, credevo di poter dare il mio contributo al movimento in un periodo di difficoltà.  Non ho mai chiesto incarichi in questi anni, la mia sezione locale aveva inserito il mio nominativo nella lista dei candidati, il direttivo provinciale aveva avallato tale lista che poi è stata modificata senza darmi la motivazione della mia esclusione, il vicepresidente della Provincia non avrebbe probabilmente portato un valore aggiunto alla lista».

In precedenza c’era stata l’elezione del presidente della Provincia: «Ai tavoli del centrodestra mai nessun consigliere Lega è stato convocato – afferma Barcaro –. Unico incontro una sera con il segretario provinciale poco dopo la sua elezione, solo decisioni calate dall'alto. Devo ringraziare invece il capogruppo Ghiringhelli che fino a pochi giorni fa ha cercato di fare sintesi provando ad avere una visione politica sul futuro, anche solo rivolta alle prossime elezioni del Consiglio provinciale. Ad oggi questa visione interessa a pochi, sicuramente quando la Provincia tornerà ente di primo livello interesserà a molti».

Quindi la conferma: «Ho deciso di accettare eventuali deleghe provinciali, spinto soprattutto dal confronto avuto anche con amministratori del territorio, gli stessi che mi avevano dato fiducia nella scorsa tornata elettorale provinciale, regalandomi un risultato inaspettato frutto sicuramente della stima acquisita sul campo in questi anni.  Ricordo che più di 100 amministratori locali mi votarono, facendomi ottenere 4758 voti ponderati e non solo da amministratori Lega perché le indicazioni di partito erano differenti. Lo devo soprattutto a loro da uomo delle istituzioni».

Barcaro si dice «convinto, ascoltando la mia coscienza, di essere dalla parte giusta. Il mio unico obiettivo da quando ho iniziato a fare politica attivamente è sempre stato il bene del territorio e non gli interessi personali, le mie azioni di questi anni lo confermano. Ho sempre creduto e credo nel lavoro per il territorio in maniera disinteressata e non calcolata per fini personalistici magari per assicurarsi un posto al sole; avendo un lavoro non ho necessità della politica per vivere. Questa mia scelta, difficile credetemi, non scalfirà minimamente i rapporti personali che ho creato in questi anni. Chi non fa il bene del territorio non fa il bene della Lega, accetterò gli eventuali provvedimenti del mio movimento, consapevole di essere nel giusto».

Redazione


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore