/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 23 marzo 2023, 11:19

Madonna in Campagna, la pace infranta ancora dagli incivili. «Come si fa a non avere amore per un luogo così sacro e bello?»

Danneggiato il contenitore accanto alla chiesa di Sacconago, i rifiuti attorno e nel prato. Il dolore di Giavini: «Mi ricordo una tessitrice veneta che mi raccontava quanto si trovasse bene a Busto perché c'era tanto lavoro ma anche tanto rispetto. Allora si faceva a gara per tenere in ordine le proprie cose e la città era pulita»

foto per cortesia di Agostino Di Francesco

foto per cortesia di Agostino Di Francesco

La pace e la primavera, due alleate alla Madonna in Campagna, che però vengono ferite. Di nuovo.

Ieri sera chi faceva una passeggiata attorno al santuario di Sacconago ha avuto l'amara sorpresa: ancora una volta, il bidone danneggiato, i rifiuti sopra e fuori, cartacce anche tra l'erba e sotto gli alberi.

Sul contenitore dell'immondizia era stata scritta anche una preghiera, un invito affinché si avesse rispetto di questo luogo sacro. Ma ancora una volta, questa parola - rispetto - si è volatilizzata.

Luigi Giavini, storico e cittadino benemerito di Busto Arsizio, è tra coloro che hanno visto questo amaro spettacolo e affida le sue riflessioni:  «Non capisco. Non colpevolizzo nessuno. Ma come si fa a non avere rispetto per un luogo sacro e bello? Ho scritto rispetto, ma vorrei usare la parola "amore", amore per un tassello della nostra storia scritta da generazioni che hanno faticato per lasciarci questi gioielli».

Il pensiero corre indietro, a coloro che arrivavano nella città per lavorare. E raccontavano con gratitudine il loro rapporto con il luogo che li aveva accolti.

«Ricordo con emozione  l'intervista ad una tessitrice veneta (si chiamava Ceolin) arrivata a Busto negli anni 50 - spiega Giavini - Alla mia domanda: "come si trovava a Busto?". Risposta: "Benissimo. Tanto lavoro e tanto rispetto. Amavo i miei telai. Li tenevo sempre puliti. Le altre tessitrici un po' gelose cercavano di tenere i loro ancora meglio. Così era bello andare in fabbrica. E le dico di più. Questo atteggiamento si rifletteva anche fuori e Busto era una città pulita. Era bello viverci"».

È chiaro che ferite come quelle alla Madonna in Campagna vengono inferte da pochi. Ma non per questo procurano meno dolore.

Marilena Lualdi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore