/ Enogastronomia

Enogastronomia | 04 marzo 2023, 08:00

I vini di Busto che incantarono e sparirono. Come le osterie

Le famiglie producevano vino per tutto l’anno e lo vendevano al prezzo di 10/15 centesimi di lira al litro. Poi arrivò la filossera

I vini di Busto che incantarono e sparirono. Come le osterie

Potrebbe sembrare una favola: c’era una volta, e non tutti lo sanno, il vino di Busto.

Verso la fine del 1500 la vite occupava più di 4.000 pertiche del territorio bustese, e nel 1800 il vino bianco prodotto a Busto aveva una certa rinomanza.

I filari di vite tra gelso e gelso facevano parte del panorama che si presentava alla vista di chi attraversava le nostre campagne; il filari si alternavano ai pergolati nelle cascine e nei cortili del borgo.

Le famiglie dei vinaioli producevano vino per tutto l’anno e lo vendevano al prezzo di 10/15 centesimi di lira al litro.

Ma iniziata come una favola, come tale non finisce: nel 1860 la comparsa della filossera e la crescente industrializzazione che allontanava i contadini dalle fatiche dei campi, portarono alla rovina i vigneti e scomparve il vino nostrano.

Bianco, lievemente asprigno, appena frizzante e di modica gradazione alcolica, ul ven da Busti, era gustato con gli antipasti di salamini pancetta e bruschi; questo era il vino pregiato prodotto dai migliori agricoltori e che era venduto.

Ma altri vini di molto minor pregio venivano prodotti dai nostri contadini per il loro uso domestico; vini rossi di uva americana e clinto, che per la loro bassa gradazione alcolica venivano chiamati “strascia-pata” e venivano bevuti dalla scodelle “tazinen”. Come detto, verso la fine del 19 secolo i vigneti andavano scomparendo così come i vini bustocchi.

Sparivano anche le Osterie, che erano luogo di incontro e delle pause di lavoro che i bustocchi si concedevano nei giorni di festa e talvolta di sera. Lì assaporavano i vini più robusti, giocavano a carte o alla morra e discutevano; ciò rappresentava in quei tempi il divertimento e il sollievo dalla vita quotidiana.

Ogni osteria aveva i suoi avventori abituali, solo i “ciucati” passavano da una osteria all’altra.

Una ricetta bustocca che prevede l’uso del vino oltre ai risotti è la Rusumaa:

battere un rosso d’uovo con due cucchiai di zucchero, aggiungendovi pian paino mezzo bicchiere di vino e quindi l’albume montato a neve. Bere, e tra un sorso e l’altro, agitare il tutto per mantenerlo omogeneo e schiumoso. Vino consigliato oggi: Marsala.

Magistero dei Bruscitti-www.magisterodeibruscitti.org

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore