/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 03 marzo 2023, 15:02

Busto, Piano Urbano della Mobilità Sostenibile: al via l’ascolto dei cittadini

Un progetto per adeguare i servizi offerti alle esigenze dei cittadini. L’assessore Loschiavo: «Se noi andiamo a raccogliere le difficoltà che la cittadinanza vive quotidianamente sarà possibile trovare le soluzioni»

Busto, Piano Urbano della Mobilità Sostenibile: al via l’ascolto dei cittadini

L’amministrazione comunale di Busto Arsizio ha avviato il processo di formazione del nuovo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), al fine di adeguare i servizi offerti sul territorio alle esigenze di mobilità dei cittadini e dei city users, con il supporto delle società TTA Trasporti Territorio Ambiente-Trafficlab-CRAS.

Stando alle linee guida europee e nazionali, il piano sarà redatto in seguito all’attività di partecipazione dei cittadini, dei portatori d’interesse e delle istituzioni.

«In questi primi 2/3 mesi la parola chiave sarà “partecipazione” – spiega l’assessore alla Mobilità Salvatore Loschiavo -, partecipazione che dovrà essere di tutti: se noi andiamo a raccogliere le difficoltà che la cittadinanza vive quotidianamente sarà possibile trovare delle soluzioni».

Il commissario della Polizia Locale di Busto Arsizio Giuseppe Vaccarino, condividendo le parole dell’assessore, ha specificato lo scopo del Pums: «Costruire la città come la si vuole vedere da qui ai prossimi 10 anni».

Un progetto che prevede la collaborazione di più settori: urbanistico, ecologia, opere pubbliche e comunicazione.

A spiegare poi, tutti i metodi che verranno messi in campo per raccogliere i dati dai cittadini, l’architetto Bilanzone: «Lunedì partiremo con le interviste sul trasporto pubblico locale, che servono per raccogliere dati tecnici e per individuare le criticità. Ma la partecipazione riguarda un po’ tutto il processo di piano. Per dare maggiore possibilità di aderire abbiamo sviluppato uno strumento di carattere telematico, un sito web che diventerà punto di riferimento, avrà delle sezioni dedicate per fornire opinioni: i cittadini potranno segnalare sulla mappa i problemi della città».

Sul sito (www.pumsbustoarsizio.it), infatti, i cittadini potranno compilare un questionario, disponibile a questo link: https://forms.office.com/e/F5LqdfiycH fino al 7 aprile. E il coinvolgimento dei cittadini parte proprio dal sito, infatti, per la realizzazione del logo verranno resi partecipi i ragazzi degli istituti superiori della città. Ma anche dei momenti di ascolto «dedicati a tutti i quartieri che abbiamo raggruppato per area geografica e che faremo da qui alla primavera».

Poi, dopo aver raccolto tutti i dati, «inizieremo a costruire la vision del Pums e a quel punto potremo fare ulteriori iniziative, i momenti di ascolto diventeranno di confronto. Diremo ai cittadini le idee che stiamo pensando di mettere in atto e loro potranno dare le loro idee».

Le tre interviste che verranno effettuate sono: quella agli utenti del trasporto pubblico urbano, a bordo dei bus con operatori identificati da cartellino di riconoscimento; quella ai non utenti del trasporto pubblico, nei principali parcheggi e aree di sosta della città; quella raggiungibile tramite link sul sito dedicato ai cittadini e ai city users.

Un altro metodo di raccolta dati è stato illustrato dall’ingegner Marella: «Lo studio della domanda è fondamentale. Noi dobbiamo andare a capire come si spostano i cittadini. Quindi un'altra indagine verrà effettuata sul traffico, tramite tecnologie innovative: grazie alle videocamere già presenti nelle varie strade del Comune analizzeremo i video attraverso il riconoscimento dell’immagine, quindi sapremo quante macchine, quante bici transitano e anche in che senso di marcia. Il tutto nel rispetto della privacy dei cittadini».

A conclusione, l’assessore Loschiavo ha voluto ringraziare «l’ex comandate Claudio Vegetti, ci tengo particolarmente perché è stato un collaboratore tecnico fondamentale, mi ha aiutato ad entrare in un settore e mi ha condotto per mano. Su questo progetto siamo partiti insieme, anche con Vaccarino. A tutto il gruppo di lavoro, vicecomandante Fossati, Dottoressa Bonecchi per la comunicazione, i settori urbanistica, opere pubbliche e ecologia». E poi ha sottolineato: «Questo è un tema trasversale, senza colori politici. L’obiettivo è una qualità della vita migliore».

Michela Scandroglio

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore