ELEZIONI REGIONALI LOMBARDIA 2023
 / Busto Arsizio

Busto Arsizio | 20 gennaio 2023, 08:10

La preghiera degli edicolanti nelle mani di Papa Francesco. Come sognava Peppino Tagliabue

All'udienza generale il sindacato nazionale ha compiuto la promessa: la piccola Laura, l'emozione della famiglia e la Madonna dell'Aiuto

La preghiera degli edicolanti nelle mani di Papa Francesco. Come sognava Peppino Tagliabue

Un sogno significa già realtà per un bustocco. E una promessa è una promessa. La preghiera fortemente voluta dal leader degli edicolanti Peppino Tagliabue, scomparso nel novembre 2020, è nelle mani del Papa.

Il sogno era stato coltivato da questo battagliero bustocco, innamorato del suo lavoro, della città, devoto a quella Madonna dell’Aiuto che secondo lui poteva e doveva essere la patrona degli “umili servitori di notizie”. Questa espressione è una pennellata-capolavoro nella preghiera che fu scritta con monsignor Silvano Provasi e che Giuseppe si adoperò per far diventare il riferimento della categoria. Con tanto di festa dedicata, il 2 maggio, la fede e il lavoro intrecciati grazie alla Madonna: è un giorno in cui le edicole chiudono perché i giornali cartacei non escono. Questa potrà essere la prossima tappa.

Mercoledì lo Snag nazionale è stato all’udienza da Papa Francesco e il presidente del sindacato Andrea Innocenti ha portato a termine la promessa fatta a Peppino. Al pontefice ha consegnato questa preghiera, trascritta elegantemente e incorniciata. Attraverso le mani della nipote di Tagliabue, Laura Chellini: la bimba era accanto al presidente Innocenti e al suo nipotino Ludo. Momenti di grande emozione alla presenza di tutti i familiari di Peppino e della delegazione della categoria.

Era davvero il grande sogno di Peppino poter compiere questo gesto dal “suo“ Papa Francesco, nato come lui nel dicembre 1936. 

In un mondo così cambiato, le edicole hanno combattuto silenziosamente, una luce durante la pandemia, e poi mostrato con fierezza un servizio capace di moltiplicarsi per aiutare i cittadini, con lo Snag in prima linea. A Peppino anche questo anche questo sarebbe piaciuto tantissimo. Ma gli saranno sicuramente brillati gli occhi prima di tutto nel vedere la piccola Laura andare dal Papa con la sua preghiera: la nipote più piccola così chiamata in memoria dell'amatissima nonna, scomparsa troppo presto. Tutti uniti, la famiglia Tagliabue, quella della città e ancora degli edicolanti.

Missione compiuta, Peppino e Lauretta.

Marilena Lualdi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore