/ Attualità

Attualità | 27 dicembre 2022, 12:18

Crisi Kosovo-Serbia, Quadri: «L'aumento delle tensioni nei Balcani frutto delle ingerenze straniere e dell'allargamento dell'Ue»

Il segretario Internazionale della Lega Giovani, in una nota interviene sulla crisi serba: «L'allargamento dell'Ue e le ingerenze estere contro i serbi stanno gettando benzina sul fuoco. Quello di evitare un intervento russo? Puro pretesto»

Crisi Kosovo-Serbia, Quadri: «L'aumento delle tensioni nei Balcani frutto delle ingerenze straniere e dell'allargamento dell'Ue»

In merito alla crescente tensione tra Kosovo e Serbia, il Segretario Internazionale Lega Giovani, Davide Quadri, mette in guardia dal rischio di una escalation che potrebbe portare ad una guerra a pochi chilometri dall'Italia.

"La tensione sempre più crescente nella regione balcanica – spiega Quadri – rischia di far esplodere una polveriera vicino casa nostra. Oggi tutte le attenzioni sono rivolte ad un conflitto, quello russo ucraino che, sebbene grave e drammatico, riguarda però due Stati al confine con l'Unione Europea ed entrambi fuori sia dall'Unione che dalla Nato. Quella dei Balcani invece sarebbe una vera e propria guerra nel cuore dell'Europa".

Il dirigente della Lega Giovani spiega quali sono le cause di queste tensioni sempre più crescenti: "Sono anni ormai che in quegli Stati la tensione è sempre latente e non è mai stata risolta; un allargamento senza tatto dell'Unione Europea ad uso politico, con ingerenze sulle politiche interne serbe e montenegrine, non farebbero altro che aumentare la tensione, usando la crisi ucraina come pretesto".

Quadri entra più nel dettaglio e dimostra quanto la situazione sia delicata e pericolosa: "Il Primo Ministro kosovaro pare non abbia intenzione di applicare il trattato di cooperazione con la Serbia e, come mi è stato riferito da alcuni contatti, il Kosovo sembra voglia controllare militarmente i territori serbi. In questo quadro così delicato si fa sempre più pressante la politica di ingerenza da parte di progressisti e mondialisti occidentali sul Kosovo".

E conclude: "Lo scenario è preoccupante e pericoloso. Uno scontro etnico interno rischia di sfociare in una guerra vera e propria a pochi chilometri da casa nostra. L'augurio è che almeno il Kosovo e la regione Balcanica possano trovare una stabilità e una pace in vista dell'imminente Natale Ortodosso".

C. S.


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore