/ Cultura

Cultura | 27 settembre 2022, 10:10

“Il Dono dell’Acqua”, mostra a Santa Caterina del Sasso

Appuntamento dal 1° ottobre con la raccolta di scatti dell'artista varesino Alessandro Puccia. Un viaggio introspettivo segnato dalla fede e dall'importanza della memoria. I dettagli

(Foto di copertina dalla pagina Facebook “Alessandro Puccia Acqua”)

(Foto di copertina dalla pagina Facebook “Alessandro Puccia Acqua”)

Inaugura sabato 1° ottobre alle ore 11 all’Eremo di Santa Caterina del Sasso di Leggiuno, sul Lago Maggiore, la mostra proposta dall’artista varesotto Alessandro Puccia, dal titolo Il Dono dell’Acqua, a cura di Giulia Pozzi e Erika Chinaglia, collaboratrici della Società che ha in gestione i servizi di accoglienza e bigliettazione dell’Eremo e che sempre più si sta adoperando nell’organizzazione di nuove iniziative e proposte nella meravigliosa cornice di Santa Caterina.

È il percorso attraverso la memoria e la possibilità di rivivere nel presente alcuni momenti del passato che ha portato Alessandro Puccia, artista varesotto classe 1990, a realizzare un percorso fotografico per l’Eremo di Santa Caterina del Sasso, in cui ricostruisce due elementi fondamentali della propria strada nel mondo dell’arte: l’acqua e la fede.

Attraverso istantanee di cristalli d’acqua parla della vita e del percorso di fede che proprio attraverso l’oro blu da sempre si manifesta e ne è simbolo. Quasi una nascita a nuova vita avvenuta tramite un dono, come dono è l’esistere stesso.

Il percorso espositivo si sviluppa all’interno dell’Eremo e dialoga con i suoi spazi, entrando in relazione con la devozione e la fede che da secoli lo pervade. Le opere, esposte a partire dal secondo locale situato sotto al portico del convento meridionale, raccontano e rappresentano l’inizio della storia dell’artista e in particolare l’esigenza nata in lui a voler indagare attorno all’elemento acqua e sul perché abbia iniziato a fotografare i cristalli.

Ciò che avvenne dopo racconta di un percorso di lettura e comprensione di un messaggio intimo e onirico di purificazione attraverso l’acqua. Acqua che prima diventa oggetto di studio attraverso la lettura del lavoro del dottor Masaru Emoto, conosciuto per i suoi esperimenti su ciò che chiama memoria dell’acqua, teoria secondo la quale si creerebbe una relazione tra i pensieri umani e gli stati dell’acqua che, esposta a diversi stimoli cambierebbe la sua frequenza, modificando la struttura visibile ai nostri occhi tramite i cristalli. È la lettura dei suoi studi a influenzare la vita e la ricerca artistica di Alessandro.

La mostra, realizzata in stretta collaborazione con l’artista, è patrocinata dalla Provincia di Varese, dal Comune di Leggiuno e dalle Delegazioni FAI di Varese e di Valcuvia Luino e Verbano Orientale. È stata resa possibile grazie al prezioso contributo della Società Patrimoniale della Provincia di Varese Srl, di Selgrafh – grafica e stampa, di GESTA e Designuovo.

Sarà visitabile fino a domenica 8 gennaio 2023 durante i consueti orari di apertura al pubblico dell’Eremo: fino al 14 ottobre – tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 18.45); dal 15 ottobre al 15 dicembre – dal lunedì al venerdì dalle 13.30 alle 18.00 (ultimo ingresso alle 17.15), sabato, domenica e festivi dalle 9.30 alle 19.30 (ultimo ingresso alle 18.45); dal 16 dicembre all’8 gennaio 2023 – tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 18.45).

La visita è riservata ai possessori del biglietto d’ingresso per la visita dell’Eremo di Santa Caterina del Sasso. Allegata in galleria fotografica la locandina dell’evento.

Da Luinonotizie.it

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore