/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 08 agosto 2022, 16:51

«Una telefonata può salvare la vita. Anche in carcere». L'appello di don David al ministro

VIDEO. Il cappellano della casa circondariale di Busto si rivolge a Cartabia: «Nel 2022 si sono già uccise 47 persone»

Il ministro Cartabia con don Riboldi - foto d'archivio

Il ministro Cartabia con don Riboldi - foto d'archivio

Adeguarsi ad altri Paesi europei, dove le persone in carcere possono fare una telefonata. Non quei pochi minuti concessi dalle attuali norme. E una telefonata può salvare una vita. Ne è certo don David Maria Riboldi, che ha mandato un video appello al ministro Marta Cartabia. Ministro che aveva già visitato il carcere di Busto. 

Ma è un problema che riguarda tutto il Paese e su cui il cappellano fa un pressing via social. Rivolgendosi oltre che al ministro Cartabia, al dottor Renoldi, Capo del Dipartimento dell’amministrazione delle carceri.

Obiettivo: concedere il telefono nelle celle, come in Europa. Una tematica importante, a maggior ragione dopo l'emergenza Covid che ha reso più complicata la situazione.  «Nelle carceri italiane si sono tolte la vita 47 persone, in questo 2022 - spiega don David - La solitudine, l’abbandono, la disperazione… urgono alla nostra coscienza risposte concrete. Non facili denunce, ma proposte per arginare l’oscurità, che troppo agilmente prende il sopravvento nelle persone recluse. Ministra la supplico: il telefono in cella, senza limiti di orari, era già una delle proposte della commissione Ruotolo, dello scorso dicembre... Ministra Cartabia, non passerà un altro Kayròs (un tempo opportuno): se non lei, chi? Se non ora, quando?».

GUARDA IL VIDEO QUI

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore