/ Cronaca

Cronaca | 03 agosto 2022, 13:56

Le targhe erano fotocopie, fermate due auto sospette

Operazione congiunta delle polizie locali di Busto e Parabiago. La collaborazione tra i comandi permette un’azione più efficace ed efficiente ed un presidio maggiore del territorio grazie all’aumento dell’orario di copertura del servizio

Le targhe erano fotocopie, fermate due auto sospette

Continua la proficua attività di collaborazione instaurata dalla Polizia locale di Busto con i Comandi delle città del territorio, al fine di migliorare la sicurezza dei cittadini.

L’ultimo episodio risale al fine settimana: grazie alla sinergia tra i Comandi di Polizia locale di Busto e Parabiago sono state individuate due auto su cui al posto delle targhe di immatricolazione erano state installate fotocopie a colori plastificate non rilevabili dai sistemi di rilevazione automatica in uso alle forze dell’ordine.

Come ricorda l’assessore alla Sicurezza del Comune di Busto, Salvatore Loschiavo, «il Comando è particolarmente attento all’organizzazione di azioni integrate con le varie polizie locali dei territori confinanti, anche mediante l’utilizzo e la proroga delle convenzioni sottoscritte in materia di sicurezza urbana. La collaborazione permette un’azione più efficace ed efficiente in caso di situazioni di emergenza, un più razionale impiego delle risorse a disposizione, l’ottimizzazione della formazione del personale e l’aumento dell’orario di copertura del servizio dei territori comunali interessati».

Per far fronte ad esigenze di natura temporanea, possono essere stipulati accordi come il recente protocollo d’intesa siglato con Prefettura di Varese, Regione Lombardia e Sea che sta consentendo, in questi mesi di particolare traffico, il servizio degli agenti della Polizia locale di Busto nell’area aeroportuale di Malpensain supporto ai Comuni di Vizzola Ticino e Ferno.

Grazie alla convenzione stipulata con Legnano e Castellanza, la Polizia locale di Busto è inoltre coinvolta nell’esecuzione dei controlli alla stazione ferroviaria di Castellanza e nell’area dello stadio Speroni. Per quanto riguarda Legnano, oltre ad aver offerto supporto operativo per la manifestazione Rugby Sound, sta operando congiuntamente con i nuclei ispettivi in abiti borghesi e per l’attività formativa in materia di tecniche di polizia giudiziaria.

«Ringrazio il comandante Vegetti e gli agenti impegnati sul territorio in queste attività di collaborazione che ritengo necessarie per migliorare la sicurezza urbana: nel nostro contesto geografico, in cui non c’è soluzione di continuità tra un comune e l’altro, possiamo percepire la nostra città come più sicura se anche i comuni limitrofi lo sono – conclude l’assessore -. Lo sforzo organizzativo è notevole, ma la tutela della sicurezza è una priorità a cui non vogliamo e non possiamo rinunciare».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore