/ Basket

Basket | 24 giugno 2022, 16:30

FOTO e VIDEO «Abbiamo le risorse per rinforzare la squadra. Riporteremo Varese dove le compete»

La lunga conferenza stampa di presentazione di Ross Pelligra "lato" Pallacanestro Varese. Tante dichiarazioni, pochi i dettagli: il progetto palazzetto, le risorse, i ringraziamenti alla società

FOTO e VIDEO «Abbiamo le risorse per rinforzare la squadra. Riporteremo Varese dove le compete»

«Siamo qui per riportare la Pallacanestro Varese nel posto che le compete nella sua storia».

È stata una mattinata di dichiarazioni quella odierna a Palazzo Estense che ha dato il là all’era Pelligra nello sport varesino. Non solo nel basket.

Ma per i tifosi del beneamata cestistica cittadina, quella riporta e pronunciata dal chairman del nuovo gruppo imprenditore, Ross Pelligra, è forse l’emozione più grande da ricevere in dote. Posto che oggi è il giorno uno e che tra il dire e il fare c’è di mezzo lo stesso mare che esiste tra Varese e l’Australia. Non è assolutamente malafade, ci mancherebbe altro... Anzi, la fiducia è tanta. Ma i possibili sviluppi e gli incastri sono davvero molteplici. E di dettagli ufficiali oggi ne sono stati rivelati pochi, come prevedibile.

È stato più un cursus emozionale, sottofondo normale di una “giornata storica”, come l’ha definita il presidente Marco Vittorelli. Perché Pallacanestro Varese, innanzitutto, ci si è chiesti nell’indagare un rapporto iniziato nel 2019 con la regia di Regione Lombardia? «Perché siamo arrivati qui a marzo, abbiamo iniziato a parlare con Luis Scola, Toto Bulgheroni e gli altri e abbiamo capito che questa è una città che vive di pallacanestro. E noi siamo orgogliosi di entrarne a fare parte» ha detto John Caniglia, segretario generale della Camera di Commercio di Melbourne.

Dal quale, per primo, è arrivato un ringraziamento per chi c’è stato fino a oggi; «Varese nel Cuore e Il Basket Siamo Noi hanno salvato la società. Saremo per loro dei soci affidabili. Il nostro progetto è per il basket e per la città».

«Per competere bisogna diventare internazionali – ha dichiarato invece il presidente Marco Vittorelli – E noi ci adeguiamo».

«È un giorno molto felice per la Pallacanestro Varese – ha esordito un sorridente Luis ScolaRingrazio tutta la società, che ci ha portato avanti nelle difficoltà. Ora la nostra missione è continuare questo lavoro. La persona più importante è Toto Bulgheroni, è la Pallacanestro Varese: senza di lui non sarebbe accaduto nulla, senza di lui io non sarei qui. Spero – continua rivolgendosi direttamente al consigliere simbolo – di fare almeno la metà di quello che hai fatto tu per questa società».

«La maggioranza delle risorse che arriveranno dai nuovi investitori verranno messe nel potenziamento della società e nella settore giovanile. La prima squadra crescerà di conseguenza, ma sarà una crescita sostenibile».

«Ho visto i sacrifici fatti da questa società e voglio continuare su questa strada – si presenta Pelligra – Ho guardato negli occhi Toto (Bulgheroni), ho parlato con Luis e ho capito l’importanza di questa realtà. Abbiamo scelto Varese per i valori della sua comunità e per i valori del club: lo riporteremo dove merita».

Queste le prime dichiarazioni, che si aggiungono a quelle del sindaco Davide Galimberti, del ministro Giancarlo Giorgetti (leggi QUI), del consigliere regionale Giacomo Cosentino, del presidente della Lega Pro Ghirelli, del presidente della Camera di Commercio Fabio Lunghi, di Worwik Forbes dell’Australian Institute e del rappresentante istituzionale dello stato di Victoria (dove risiedono circa 350 mila italiani): potete trovare il dettaglio di tutte le parole dei protagonisti nella diretta che alleghiamo in fondo al pezzo.

Sì ma i dettagli che riguardano i futuri rapporti con Pallacanestro Varese e il destino del Lino Oldrini? Galimberti e Vittorelli, per ciò che riguarda il secondo punto, hanno fatto capire che rimane il progetto di riqualificazione già impostato e per metà finanziato da fondi regionali, 2 milioni. Si tratta della parte che principalmente prevede museo del basket, ristorante, sky box e nuovi uffici. Ne mancano altri 2 per arrivare in fondo: li metterà Pelligra? Non è ancora chiaro.

Pelligra ha dichiarato: «Stiamo costruendo una squadra di professionisti per capire cosa si può fare in virtàù delle leggi italiane esistenti». La collaborazione pubblico-privato è un punto fondamentale, ma la prima intenzione parebbe quella di trovare altri fondi pubblici per i due milioni mancanti, tramite PNRR. Il gruppo australiano sarà di certo protagonista della gestione della struttura, strada per remunerare i suoi investimenti insieme allo stadio (ma anche qui – leggi QUI – ci sono molti aspetti da chiarire ancora) e a quella che – sono parole di Davide Galimberti – «sarà una rigenerazione complessiva di un comparto della città».

Per il resto il gruppo Pelligra «sarà uno stakeholder della Pallacanestro Varese» ha detto Luis Scola: entrerà nella società (sembra confermarsi l’indiscrezione del 45% delle quote), nel consiglio d’amministrazione (i consiglieri afferenti ai nuovi soci saranno probabilmente due) e ispirerà una collaborazione (anche tecnica?) con gli Adelaide 36ers, squadra di basket di Adelaide nella quale è entrato con tanto di riqualificazione della loro arena di gioco, con investimenti di 30 milioni di dollari (leggi QUI).

Davanti ai microfoni dopo la conferenza, Ross Pelligra e quello che sarà un altro fondamentale punto di riferimento nei rapporti, ovvero John Caniglia, hanno ribadito alcuni concetti fondamentali: «Stiamo lavorando sul quadro finanziario degli investimenti, ma di sicuro il gruppo Pelligra ha la capacità economica di rinforzare la squadra. Le risorse arriveranno». Le cifre riportate ufficiosamente nei giorni scorsi dovrebbero quindi essere confermate (leggi QUI e QUI). Infine il messaggio diretto ai tifosi: «Avete un club pieno di storia. Stategli vicino, state vicino anche a me, e siatene orgogliosi».

Ecco la diretta video della conferenza stampa

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore