Territorio - 13 giugno 2022, 13:37

Casciago, dodici tigli abbattuti in via Garibaldi. Il sindaco: «Scelta dolorosa ma inevitabile per la sicurezza»

Protesta la minoranza con il capogruppo Zanotti: «Gli alberi vanno manutenuti e non eliminati perché danno fastidio». Reto: «Le piante avevano deformato i marciapiedi, ne piantumeremo quattro in zona e altre otto sul territorio». Oltre alle manutenzioni, partito anche il piano asfaltature e la sistemazione della segnaletica orizzontale e verticale

La base dei tigli di via Garibaldi a Casciago

La base dei tigli di via Garibaldi a Casciago

Sono cominciate questa mattina, 13 giugno, a Casciago, le operazioni di abbattimento di 12 tigli in via Garibaldi sulla strada che conduce all'ex circolo. 

«Scelta presa a malincuore ma inevitabile per ragioni di sicurezza - spiega il sindaco Mirko Reto - i tigli avevano danneggiato pericolosamente il marciapiede con le loro radici, rendendo impossibile il transito di carrozzine e passeggini e mettendo a rischio le persone più anziane. Piantumeremo quattro alberi in zona e altri otto sul territorio, probabilmente a Sant'Eusebio e dalle parti della pista ciclabile».

Una decisione contestata con forza dalla minoranza (La Civica). 

«Gli alberi vanno manutenuti e non abbattuti perché danno fastidio - dichiara il capogruppo Andrea Zanotti - si tratta di tigli sani e il fatto di piantumarne di nuovi in zone del paese già ricche di verde impoverisce quelle dove già ce n'è poco. Una scelta inaccettabile». 

«Il nostro obiettivo - replica il primo cittadino - è puntare sulle manutenzioni e guardare al futuro per avere un paese migliore di come lo abbiamo ereditato dalla precedente amministrazione. L'abbattimento dei tigli è funzionale anche al progetto di far rivivere l'ex Circolo di cui siamo ritornati in possesso, dopo che la precedente amministrazione lo aveva lasciato lì abbandonato».

Oltre alle manutenzioni, a Casciago è partito anche il piano asfaltature e quello per la sistemazione della segnaletica orizzontale e verticale. 

«Abbiamo iniziato dalla parte alta del paese per arrivare poi fino a Casciago e a Morosolo - conclude Reto - andando a risolvere problemi che si trascinavano da anni irrisolti come quelli di via del Campazzo». 

 

Matteo Fontana

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU