/ Territorio

Territorio | 10 giugno 2022, 07:00

La pasticceria Baroffio: «Ciao Busto, ci concentriamo su Fagnano. Ci mancherà il campanile di San Michele»

Dopo 23 anni in città la sofferta decisione di vendere i locali di piazza Manzoni. Maurizio Baroffio: «Quanti messaggi dai nostri clienti, ma non abbandoniamo i bustocchi, a partire dai celiaci»

La famiglia Baroffio e lo staff

La famiglia Baroffio e lo staff

Una decisione sofferta, ma obbligata. A Busto Arsizio piazza Manzoni perde un altro riferimento, la pasticceria Baroffio. Che ora sarà presente solo nel luogo della sua nascita, a Fagnano Olona. Le saracinesche a lungo abbassate l'avevano fatto presagire, quindi la comunicazione ufficiale. E il messaggio commosso su Facebook, rivolto ai clienti.

Si è tenuto duro, nonostante i problemi familiari, perché il legame con i bustocchi è solido. Anche per questo, si mantiene il servizio di consegna a domicilio: la pasticceria è stata pioniera dei dolci per i celiaci. 

«Eravamo qui da 13 anni, preceduti dai 10 anni in via Ragusa - spiega Maurizio Baroffio - Ci eravamo ritagliati un bello spazio e dispiace. Abbiamo sperato di poter riaprire». Papà Enzo, il fondatore nel 1968 con sua madre Elsa Bondi, non può dare una mano, Marco è diventato sindaco a Fagnano, un impegno che lo assorbe, e c'era bisogno di concentrarsi sulla sede fagnanese. Ci sono tre collaboratori storici lì, e oltre a Maurizio c'è la giovane che già lavorava in piazza Manzoni.

Proprio Maurizio ha firmato l'intenso messaggio su Facebook, con un nodo alla gola come ha rimarcato subito: «La triste e difficile decisione di chiudere il punto vendita dopo 23 anni complessivi tra via Ragusa e piazza Manzoni, a favore della casa madre di Fagnano Olona, è stata molto sofferta. Ma a volte, bisogna fermarsi e pensare anche che la vita è altro, come questi anni ci hanno diciamo insegnato. Comunque sia, rimane come sopra scritto, aperta la casa madre Fagnano Olona in piazza Alfredo Di Dio 16. Soprattutto per i nostri numerosi clienti celiaci, che chiamano spesso per avere certezza che anche qui, produciamo per loro. La mano è sempre quella. Non vi abbandoniamo. Rimane attivo anche il servizio di consegna a domicilio con le solite modalità di minimo d'ordine».

Nel post Baroffio ricorda i recapiti e conclude così: «Augurando ogni bene a tutti  quelli che in questi anni ci sono venuti a trovare e a provare la nostra pasticceria ed è, diciamo così, diventato uno di famiglia, vi aspettiamo anche solo per un saluto a Fagnano. Un caro saluto ai bustocchi e non. Tante care cose e mi porterò personalmente tanti tanti bei ricordi. Con affetto».

Sì, è difficile andare via e lasciare quelle mura, che ora verranno messe in vendita. Ma chiediamo a Maurizio cosa gli mancherà, tanto: «Innanzitutto il campanile di San Michele. E certo i clienti, vecchi e nuovi». Solo il campanile, però, non si può spostare. Ecco perché i Baroffio sperano di rivedere i bustocchi in Valle.  

Marilena Lualdi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore