/ Varese

Varese | 09 giugno 2022, 10:21

Alfa cerca le perdite col satellite

Dopo la sperimentazione, parte la campagna su tutta la provincia di Varese. Il presidente Mazzucchelli: «Puntiamo a diventare un’eccellenza del territorio»

Il presidente di Alfa Srl, Paolo Mazzucchelli

Il presidente di Alfa Srl, Paolo Mazzucchelli

Sono 4.296 i chilometri di rete per l’erogazione d’acqua potabile che Alfa Srl, gestore del servizio idrico integrato in provincia di Varese, deve tenere sotto controllo per garantire al meglio un servizio pubblico fondamentale per i cittadini.

Tra i problemi da affrontare, c’è anche quello della ricerca perdite, causa principale della dispersione idrica.

«In provincia di Varese – dice il presidente di Alfa Paolo Mazzucchelli – le perdite d’acqua, cioè la differenza tra acqua prelevata da pozzi e sorgenti e quella effettivamente recapitata alle utenze ammonta al 40%».

Trovare le falle nelle tubazioni (e ripararle) diventa quindi una priorità, non solo perché si tratta di uno dei parametri con i quali l’autorità nazionale che regola il settore idrico (ARERA) “giudica” i gestori.

Alfa ha per questo deciso, dopo una positiva sperimentazione effettuata tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021, di utilizzare una tecnologia d’avanguardia, che prevede l’utilizzo di un satellite.

«Utilizzeremo questa metodologia innovativa per tutto il territorio provinciale – afferma Federico Colombo, l’ingegnere di Alfa Srl che segue il progetto – che permette di individuare le possibili perdite con un margine d’errore molto basso. In pratica, il satellite “fotografa” il terreno e, grazie ad un apposito software, noi siamo in grado di localizzare dove può esserci acqua e quindi verificare dove ci sono le perdite, sovrapponendo i dati a quelli del WebGis, cioè la mappa digitale di tutte le reti».

Il sistema permette anche di distinguere tra acqua potabile e altre fonti, riducendo al minimo quindi anche i “falsi positivi”. Ma quale sarebbe l’alternativa all’utilizzo del satellite?

«Per trovare le perdite che non sono evidenti ad occhio nudo esistono diverse tecniche – Colombo –, ma hanno tutte in comune la ricerca al suolo, metro per metro. È evidente che su migliaia di chilometri di rete una ricerca a tappetto comporterebbe tempi lunghissimi».

«L’utilizzo delle tecnologie più moderne e appropriate è una priorità per Alfa – conclude il presidente Mazzucchelli – e noi vogliamo essere un’eccellenza del territorio per gli standard di servizio ai cittadini e un punto di riferimento per il mondo dell’impresa».

C. S.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore