/ Politica

Politica | 09 giugno 2022, 16:56

Medici di famiglia, Monti (Lega): «Nessuno ha parlato di sostituzione. Solito travisamento della realtà»

Il presidente leghista della Commissione Sanità e Politiche Sociali di Regione Lombardia interviene per fare chiarezza sulle affermazioni attribuite alla vicepresidente Moratti. «Per noi rimane fondamentale la collaborazione fra tutte le professioni sanitarie. Nessuno ha parlato di sostituzione con gli infermieri»

Medici di famiglia, Monti (Lega): «Nessuno ha parlato di sostituzione. Solito travisamento della realtà»

«Nessuno ha parlato di sostituzione della professione medica con gli infermieri ma abbiamo sempre puntato sul sostegno a forme di collaborazione fra tutte le figure sanitarie operanti nel sistema sanitario lombardo. Chi dice il contrario è in malafede e non accettiamo ricostruzioni fantasiose della realtà».

Lo dichiara Emanuele Monti, Presidente leghista della Commissione Sanità e Politiche Sociali, intervenendo per fare chiarezza sulle affermazioni attribuite alla vicepresidente e assessore regionale al Welfare Letizia Moratti per la quale gli infermieri potrebbero sostituire i medici di medicina generale, vista la grave carenza di queste figure professionali.

«La collaborazione fra medici ed infermieri è già all’avanguardia in Lombardia dove, come primi in Italia, stiamo realizzando case e ospedali di comunità. In questi luoghi, è già percepibile la sinergia fra le due figure professionali e i nostri cittadini lo stanno toccando con mano, specialmente grazie all’istituzione della figura dell’infermiere di comunità».

«Inoltre, - ricorda Monti - con le sigle sindacali dei medici di famiglia abbiamo di recente affrontato in Commissione Sanità e nelle sedi istituzionali competenti il problema concernete la loro sostituzione nel periodo estivo con i corsisti in formazione che, a causa della miopia della normativa nazionale, non potevano svolgere le sostituzioni temporanee creando non pochi disagi ai pazienti che avrebbero trovato gli ambulatori chiusi a luglio e agosto».

«Voglio, dunque, tranquillizzare la FNOMCEO e tutte le sigle di rappresentanza dei medici di famiglia perché non c’è nessuna intenzione di voler sostituire la loro figura professionale che consideriamo centrale nel nostro sistema di cura» precisa.

«Rispediamo al mittente qualsiasi attribuzione che nulla ha a che vedere con la realtà dei fatti perché noi siamo al fianco dei medici di famiglia e lo stiamo dimostrando con i fatti concreti. Insieme abbiamo scritto la legge di potenziamento della sanità lombarda e insieme continueremo a lavorare su progetti che mettano al centro i professionisti delle cure primarie» conclude.

Redazione


SPECIALE POLITICA
Vuoi rimanere informato sulle notizie di politica e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo POLITICA VARESENOI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP POLITICA VARESENOI sempre al numero 0039 340 4631748.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore