Ciclismo - 31 maggio 2022, 13:26

Spada applaude la sua Eolo: «Anche quest'anno abbiamo lasciato un'impronta sul Giro d'Italia»

Il Fondatore e Presidente Esecutivo del Consiglio di Amministrazione è soddisfatto della seconda partecipazione alla corsa rosa: «Le emozioni non sono mancate: abbiamo portato avanti il cammino iniziato la scorsa stagione»

Spada applaude la sua Eolo: «Anche quest'anno abbiamo lasciato un'impronta sul Giro d'Italia»

Un altro Giro d'Italia andato in archivio per la Eolo Kometa. Il bilancio della partecipazione della società varesina è oggi affidato a Luca Spada, Fondatore e Presidente Esecutivo del Consiglio di Amministrazione di EOLO e sponsor della squadra.

«Del percorso di quest’anno non ci portiamo a casa il numero di passi compiuti, ma quello di impronte lasciate e, con loro, la consapevolezza di aver terminato quest’esperienza più maturi e arricchiti. Anche quest’anno, infatti, le emozioni non sono mancate, parlo dei successi sportivi che ci hanno fatti esultare, come la conquista della maglia della montagna o vedere il nome di un nostro giovane campione nella top 15 accanto ai grandi del ciclismo di oggi. Traguardi per i quali la squadra si è allenata duramente, portando avanti il cammino di crescita iniziato già la scorsa edizione e dando prova dei valori più belli che uniscono e legano questi ragazzi, questo sport e la filosofia di EOLO: spirito di collaborazione, sacrificio, umiltà e voglia di dare il massimo anche nei momenti più difficili. Parlo di questo sì, ma non solo. Perché quest’anno EOLO si è messa nuovamente in gioco anche in qualità di sponsor, avendo così la possibilità di entrare in contatto ed immergersi ancor di più nei luoghi, nei volti e nelle realtà sparsi in tutta Italia che quotidianamente connette grazie alla sua tecnologia. Ed è proprio in queste occasioni, grazie alla grande partecipazione delle persone alle attività dell’EOLO Park, che abbiamo potuto vivere tutto un altro tipo di emozioni, quelle legate alla mission con cui siamo nati, portare, dove gli altri non arrivano, unione, opportunità e possibilità sotto forma di internet. L’esperienza di quest’anno ci ha permesso così di toccare con mano ancora una volta l’importanza del lavoro che quotidianamente svolgiamo nel nostro Paese, oltre che di cogliere spunti sempre nuovi di miglioramento che ci permetteranno di superare con preparazione le sfide che il futuro ha in serbo per noi. Questo viaggio, però, è stato soprattutto una testimonianza del fatto che siamo sulla strada giusta per raggiungere i nostri obiettivi, sia sportivi che nella lotta al digital divide e che non vogliamo assolutamente fermarci qui».

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU