/ Economia

Economia | 25 maggio 2022, 16:38

Varese, il turismo in ripresa, ma è Sos personale: «Facciamo rete per attirare i giovani»

A Ville Ponti il dibattito sul "Lavoro im-possibile" nel settore: «Chef disperati oggi? Le iscrizioni nelle scuole calate già dal 2017». Il Maggiore ha avuto performance migliori, il dramma è Malpensa e comunque sono calate dell'80% le assunzioni negli alberghi con la pandemia. Eppure si cercano disperatamente camerieri

Varese, il turismo in ripresa, ma è Sos personale: «Facciamo rete per attirare i giovani»

«Disperato perché non trovo camerieri».  La frase ha percosso media e social network con ulteriore forza in queste settimane, il grido di dolore dello chef. E a Varese? C’è un settore, il turismo, che sta dando segnali  di ripresa dopo la pandemia anche se restano troppo pochi i posti letto. Ma che ha a sua volta gravi problemi di reperimento del personale.

L'ulteriore prova che la questione è grave, viene dal calo delle iscrizioni alle scuole di questo comparto. Che risposte dare? A Ville Ponti, durante il convegno “Il lavoro im-possibile nel turismo”, analisi e prospettive si sono intrecciate e hanno trovato anche dei punti in comune. Uno su tutti, è fare rete.

Il messaggio è stato messo a fuoco dall’Ente bilaterale Turismo Varese, con il presidente Alessandro Castiglioni e il vicepresidente Livio Muratore. A portare un contributo in termini di cifre e indicazioni  nella tavola rotonda moderata dal giornalista Michele Mancino c’erano Anna Deligios, dirigente Area Promozione Sviluppo delle Imprese e del Territorio Camera di commercio di Varese, Cristina Zambon, responsabile settore Istruzione e Formazione Professionale della Provincia, Francesca Benedetti, referente Pcto (ex alternanza scuola/lavoro) Ufficio Scolastico Territoriale Varese nel primo round del convegno.  

Anna Deligios ha evidenziato che gli arrivi di turisti nel 2021 sono stati superiori a quelli dello scorso anno, quando il lockdown aveva avuto percussioni pesantissime (-65%), arrivando quasi ad azzerare i flussi di aprile 2020.

GUARDA IL VIDEO

 

Nel 2021 si registrano circa 140mila turisti in più rispetto allo scorso anno (+28%). Ben lontani però dal 2019, mancano all’appello circa 800mila turisti (-56%).  Fino ad allora, il crescendo era stato costante, in particolare da Expo.

Anche se sono arrivati i rinforzi, la rinascita cioè del turismo lombardo, la perdita degli stranieri era difficile da assorbire. Ha rialzato la testa in particolare il lago Maggiore, soffre quello di Varese, dramma a Malpensa.  Nel 2020 le presenze turistiche dell’area dell'aeroporto sono calate del -68%, riducendosi a meno di 1/3 del milione di presenze registrato nel 2019.  Nonostante la ripresa del 2021 (+33,5% sull’anno precedente), i pernottamenti sono meno della metà dei valori pre-pandemia, -57,3% 

Dato positivo almeno la crescita del tempo di pernottamento da 1,6 giorni a 2 in tre anni.  Un grosso aiuto può venire dagli eventi sportivi, come insegna il 2019. Già nel 2022 i segnali sono stati colti dalla gente che ha voglia di uscire e socializzare.

Ma quanto i ragazzi vengono attratti oggi in questo campo? Ci sono 46.428  allievi nelle scuole secondarie, 404 percorsi diversi e un calo costante nelle iscrizioni nel turismo e annessi già dal 2017.

Altro che allarme di questi giorni insomma. Se le imprese hanno sofferto terribilmente la pandemia, le scuole hanno dovuto reagire come potevano, soprattutto nella parte pratica.

GUARDA IL VIDEO

Cosa fare? Rafforzare una rete istituzionale che in parte già c’è, con gli enti bilaterali. Ad esempio, citando le Olimpiadi messe a fuoco sabato scorso, si possono già far diventare gli studenti parte attiva in vista dell’evento.

Certo che intanto – ha ricordato Francesco Maresca, responsabile del Settore lavoro in Provincia -  le assunzioni sono crollate dell’80% negli alberghi, del 40% nei ristoranti che hanno avuto parziale possibilità di reazione. Il saldo tra cessazioni e assunzioni resta positivo  e l’incidenza dei giovani, di età inferiore ai 30 anni, nelle assunzioni tra i camerieri nell’anno 2021 rimane superiore a quella del settore alberghi e ristorazione e della media di tutti gli altri settori. Le figure più ricercate? In ordine cuochi, camerieri, addetti all’accoglienza. 

GUARDA IL VIDEO

 

IN AGGIORNAMENTO

Il convegno prosegue con Alessandro Minello, Docente Università-Ca' Foscari Venezia, Giordano Ferrarese presidente Fipe provincia di Varese, Frederick Venturi, presidente Federalberghi Varese.

Marilena Lualdi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore