/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 19 maggio 2022, 10:20

I compagni di scuola: «Ciao Matilde, ci hai lasciato una grande testimonianza»

Sul sito del liceo Scientifico di Busto il saluto dei ragazzi e la pubblicazione di un articolo della diciassettenne

Matilde Paglione - foto dal sito del liceo

Matilde Paglione - foto dal sito del liceo

Ciao Matilde. Cerca di trovare la forza delle parole il lutto che tutti i ragazzi del liceo Scientifico "Arturo Tosi" a Busto Arsizio sentono profondo dentro di sé per la scomparsa della ragazza, a soli 17 anni. LEGGI QUI

«Matilde Paglione, con la sua intensa e breve vita, ha lasciato a tutti noi una grande testimonianza di tenacia, desiderio di vivere, serietà e impegno nello studio, nella lotta contro la malattia, nell’amicizia». Così scrivono i compagni della studentessa della 4 F.

Pubblicando anche una poesia di Tagore, La fine del viaggio: «Credevo che il mio viaggio fosse giunto alla fine all’estremo delle mie forze, che la vita davanti a me fosse sbarrata, che le provviste fossero finite e fosse giunta l’ora di ritirarmi nel silenzio e nell’oscurità. Ma ho scoperto che la Tua volontà non conosce fine per me. E quando le vecchie parole sono morte, nuove melodie sgorgano dal cuore; dove i vecchi sentieri son perduti, appare un nuovo paese meraviglioso».

I compagni pubblicano anche la sua ultima recensione, «dedicata ad un libro intenso quanto drammatico, La casa degli sguardi di Daniele Mencarelli». Ma «anche un articolo realizzato in occasione della partecipazione al Glocal, lo scorso novembre, con le amiche più care, Elisa Prastaro, Chiara Quaroni e Vera Brusatori».

Una ragazza meravigliosa, che ha dovuto combattere e ha trovato anche la forza di mettere a fuoco come i diritti dei malati vadano rispettati, sempre. Oggi alle 14 ai Santi Apostoli un addio, che addio non potrà essere, mai.

Ma. Lu.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore