Scuola - 03 aprile 2022, 08:45

La scuola in tempo di guerra e i giovani profughi ucraini: ora la Dad ha davvero un perché

La barriera linguistica, specialmente per i più grandi, rende praticamente impossibile seguire le lezioni ma l’obbiettivo principale dell’inserimento è restituire un senso di socialità e regolarità già troppo a lungo negato. Dall'innovazione tecnologica può arrivare una soluzione

La scuola in tempo di guerra e i giovani profughi ucraini: ora la Dad ha davvero un perché

Con l’arrivo dei primi profughi dall’Ucraina molte scuole italiane di ogni ordine e grado si sono mobilitate per accogliere bambini e ragazzi. La barriera linguistica, specialmente per i più grandi, rende praticamente impossibile seguire le lezioni ma l’obbiettivo principale dell’inserimento è restituire un senso di socialità e regolarità già troppo a lungo negato. In diverse città, come Milano o Bologna, ci si è già organizzati per istituire dei corsi di italiano, importantissimi soprattutto nell’ottica di un conflitto più lungo e quindi di una permanenza maggiore in Italia. Certo è che spesso organizzare corsi in presenza e lezioni frontali è possibile solo nelle città più grandi, dove innanzitutto c’è un numero maggiore di rifugiati ma anche di possibili insegnanti bilingue. 

Ai piccoli comuni, tuttavia, corrono in soccorso i corsi online: è il caso di Victoria, una ragazza ucraina trasferitasi in Italia nel 2010 per amore, che, come riportato da Ansa.it, ha organizzato delle videolezioni di italiano e le ha caricate su Telegram. Quello di Victoria però non è il solo caso in cui internet si rivela di aiuto, un nuovo strumento, eredità di un’altra grande emergenza globale, sta iniziando a prendere sempre più piede: la didattica a distanza. I ragazzi e i bambini di una stessa classe si collegano da diversi paesi con i propri insegnanti e seguono le lezioni in modalità telematica. Avere questa possibilità è di grande importanza, sia dal punto di vista culturale che, soprattutto, dal punto di vista psicologico. Rimanere in contatto con professori e compagni restituisce un senso di familiarità ed appartenenza a ragazzi che si trovano in un altro paese, di cui probabilmente non conoscono la lingua e che, molto spesso, hanno lasciato in Ucraina la propria famiglia: padri o fratelli che non possono lasciare il paese, amici e altre importanti figure di riferimento, come gli insegnanti appunto.

Rimanere in contatto può rassicurare i ragazzi, farli sentire comunque in qualche modo vicini e soprattutto dà loro l’opportunità di rapportarsi con qualcuno che possa capirli realmente perché si trova nella stessa situazione e niente è più importante dell’empatia, specialmente in circostanze come queste. Come detto in precedenza è importante anche garantire una continuità nel percorso scolastico, specialmente per i ragazzi più grandi. 

Dare questa garanzia, nel mondo globalizzato e interconnesso di oggi, è ancora più importante rispetto al passato: in Italia durante la Seconda guerra mondiale le scuole vennero chiuse nell’inverno del 1942 e riaperte o richiuse in tutta la penisola a seconda delle evoluzioni della guerra, in diverse città del Nord Italia, per esempio, si decise di chiudere nuovamente le scuole a causa dei bombardamenti. In mancanza dei mezzi moderni di cui oggi disponiamo, migliaia e migliaia di alunni persero importanti anni di scuola ma ciò non sembrava avere il peso e le possibili conseguenze di oggi.

Innanzitutto avevano accesso alla scuola solo le persone privilegiate, il tasso di analfabetismo in Italia nel 1930 era del 21% ed erano pochissimi i ragazzi che avevano la possibilità di accedere alle scuole superiori.  Inoltre, ci si trovava a competere per lo più con altri ragazzi italiani nel mondo del lavoro e quasi sempre nei confini nazionali, il che metteva sia i giovani che i datori di lavoro nella stessa condizione: la guerra aveva fermato tutti. 

Oggi, nel mondo occidentale, sono molti di più i ragazzi che frequentano la scuola fino al diploma e che possono e decidono di accedere all’università. Quasi ogni università ha degli alunni internazionali e alunni che partecipano al progetto europeo Erasmus. Nel mondo del lavoro inoltre è quasi impossibile non interfacciarsi con persone che hanno studiato o vissuto all’estero: garantire l’opportunità di non perdere importanti anni di studio rispetto ai propri coetanei italiani, francesi o spagnoli oggi più che mai è doveroso.

Possiamo inoltre riflettere sulla grande differenza tra la rilevanza data al tema scuola per i ragazzi italiani durante la pandemia di covid-19 in confronto a quella che viene data oggi al proseguimento degli studi per i ragazzi ucraini. Nonostante ci fossero moltissimi di cui scrivere e notizie da coprire non c’era giornale o telegiornale in cui non si facesse un servizio al giorno sulla scuola: sull’organizzazione della didattica a distanza, sull’andamento delle lezioni, sugli esami di terza media e di maturità, sui mezzi tecnologici che lo Stato doveva impegnarsi a garantire agli studenti che non li possedevano. Tutte questioni importanti ma che sembrano, oggi, completamente sparite dal dibattito pubblico. 

La necessità di ripensare la scuola e il suo rapporto con la tecnologia per garantire il diritto all’istruzione potrebbe essere una grande opportunità per il sistema scolastico italiano, che spesso ha un rapporto conflittuale e di sospetto verso l’implementazione dell’uso della tecnologia. 

La dotazione di tablet con cui fare lezione o seguire dal libro, l’utilizzo dei computer per prendere appunti o svolgere le verifiche sono realtà quotidiane e scontate in molti paesi europei ma viste come pura follia in Italia: poter ripensare ai veri vantaggi dell’innovazione tecnologica nel mondo scolastico italiano coordinato con la presenza fisica in classe potrebbe essere un nuovo spunto di riflessione per tutti? 

Cecilia Ramone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU